IL QUARTIERE CINESE DI MILANO:LA CHINA TOWN DI VIA SARPI

Il quartiere cinese di Milano si trova a breve distanza dal centro storico. Si sviluppa tra Via Sarpi e le strade limitrofe che pullulano di negozi e ristoranti in stile orientale.

Lo spirito internazionale del capoluogo lombardo trova la sua massima espressione in questa zona in cui le antiche botteghe della tradizione si alternano ad esercizi commerciali cinesi.

 

Il quartiere cinese di Milano: la China Town di Via Sarpi

Il quartiere cinese di Milano:la China Town di Via Sarpi

 

Una visita al quartiere cinese di Milano è quindi d’obbligo per respirare l’aria multietnica della città, la sua apertura verso popoli e culture differenti e per apprezzare, in poche parole, la sua unicità.

 

Se siete alla ricerca di qualche angolo insolito di Milano non posso fare a meno di consigliarvi di fare una sosta alla Sinagoga, al cimitero monumentale, all’antica Mediolanum ed al Campanile dei Sospiri.

 

Il quartiere cinese di Milano: dove si trova e come arrivare

 

Il quartiere cinese di Milano

 

Il quartiere cinese di Milano si trova a breve distanza dalla nuovissima zona di Porta Nuova. Superati i grattacieli di Piazza Gae Aulenti e le eleganti vie dei locali e dello shopping-Corso Como e Via Garibaldi- si giunge in un mondo a parte. Per arrivare con i mezzi pubblici è possibile utilizzare la stazione ferroviaria di Porta Garibaldi e da lì proseguire a piedi per una decina di minuti. Per chi arriva da Piazza Duomo sono disponibili i tram della linea 12 e 14. La fermata della metro più vicina è “monumentale” della linea lilla.

Il quartiere cinese di Milano: storia di una comunità

 

Il quartiere cinese di Milano

 

Il fenomeno dell’immigrazione cinese a Milano risale al 1920 quando un primo gruppo arriva in città insediandosi fin da subito nella zona intorno a Via Sarpi. Si parla di un centinaio circa di uomini e donne provenienti dallo Zhejiang, una zona costiera posizionata sotto Shanghai. In passato borgo degli ortolani poi “quartier generale dei Cinesi” durante il fascismo ed oggi China Town, al pari di quelle che si possono trovare in tante altre città sparse nel mondo. La comunità cinese , a dire la verità, non abita tutta in questa zona ma è qui che, tra folklore e prodotti tipici, è meglio rappresentata. Basta infatti muovere qualche passo lungo Via Sarpi per calarsi da subito in un’atmosfera inconfondibile: le classiche lanterne, le scritte ed i profumi che si spandono nell’aria non lasciano spazio a dubbi.

 

il quartiere cinese di Milano

 

Tra l’altro Milano è l’unica città italiana ad avere un vero e proprio quartiere cinese, pieno di negozi e ristoranti orientaleggianti. Non che in zona non ci sia posto per negozi italiani, anzi. Altro dettaglio molto interessante è infatti la mescolanza tra antiche botteghe milanesi, come la macelleria Sirtori che vende cotolette doc, e le rivendite di prodotti provenienti dalla terra del sol levante.

 

Il quartiere cinese a Milano: cosa fare e cosa vedere

 

il quartiere cinese di milano

 

Passeggiare tra queste vie offre la possibilità di compiere un piacevole viaggio pur restando a casa. I negozi in cui curiosare o fare acquisti sono davvero tanti. Abbigliamento, sete, scarpe e borse, articoli per la casa, cappelli e sciarpe, bigiotteria, oggetti tecnologici: numerose le categorie merceologiche rappresentate. Alcuni negozi sono specializzati nella sola vendita all’ingrosso ma è chiaramente indicato all’ingresso se anche i privati possono accedere e fare compere o meno. Merita senza dubbio una visita l’Oriente Store, negozio specializzato in articoli cinesi come porcellane e kimoni.

 

il quartiere cinese di milano

 

Da alcuni anni hanno aperto anche dei piccoli supermercati molto interessanti. Chineat è specializzato nella vendita di cibo orientale, come suggerisce il nome, mentre all’Oriental Mall si può trovare ogni genere di prodotto. In termini culinari le proposte sono molto interessanti anche in tema  di street food.

 

il quartiere cinese di milano

 

 

Sempre presa dall’assalto la Ravioleria, al civico 27 di Via Sarpi,  che prepara i rinomati ravioli cinesi. Uno spazio di soli 15 metri quadri che ha ottenuto premi e riconoscimenti per gli ottimi piatti proposti. La cucina è a vista così nell’attesa si possono anche imparare i trucchi del mestiere. Una volta esaurito il giro dello shopping e della gastronomia, la vicina Fabbrica del Vapore ha sempre qualche mostra interessante da offrire.

 

il quartiere cinese di milano

 

Il quartiere cinese di Milano: il capodanno della China Town di Via Sarpi

 

 

il quartiere cinese di milano

 

La comunità cinese di Via Sarpi non solo ha aperto negozi e ristoranti ma si è portata da casa anche tradizioni e rituali. Il più importante ovviamente è il Capodanno cinese, festeggiato ogni anno in grande stile. Lungo Via Sarpi sflano dragoni, musicanti, personaggi agghindati in fantastici abiti colorati. Una vera festa per gli occhi. Quest’anno i festeggiamenti sono previsti per domenica 10 febbraio quando un rumoroso corteo attraverserà la via per la gioia dei passati. Una buona occasione per approfondire la conoscenza del quartiere.

 

il quartiere cinese di Milano

 

Il Capodanno Cinese è chiamato anche festa di primavera o capodanno lunare proprio perchè segue il calendario lunare tradizionale dell’astrologia cinese. Il primo giorno del calendario lunare quest’anno cade il 5 febbraio: il 2019 è l’anno del maiale. Il colore per antonomasia di questa festa è il rosso, considerato di buon auspicio. Via Sarpi è già addobbata con tante lanterne-rosse ovviamente- di tutte le dimensioni, pronta per l’evento.

 

il quartiere cinese di milano

 

Cosa si può fare al Capodanno Cinese di Via Sarpi? Si tratta fondamentalmene di una parata e quindi si può ammirare ed approfondire la conoscenza di questa tradizione, magari unendo anche un assaggio di cibo locale. Alle 14 la manifestazione partirà da Piazza Gramsci per proseguire lungo Via Sarpi tra musica e folklore.

 

il quartiere cinese di Milano

 

E’ piacevole vedere una comunità staniera così ben integrata in una città italiana ed è ancor più bello riuscire a capire quanti vantaggi possano derivare dalla mescolanza delle etnie e dette tradizioni. Conosce altre China Town italiane?

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

 

2 Comments:

  1. Non sapevo che il quartiere cinese di Milano fosse così importante, tra l’altro è davvero un bell’esempio di integrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *