VISITARE IL DUOMO DI MONZA E LA CAPPELLA DI TEODOLINDA

Era da tempo che desideravo visitare il Duomo di Monza e l’occasione è arrivata quando  mio figlio maggiore ha iniziato a studiare la storia dei Longobardi e della regina Teodolinda a cui ci siamo subito appasionati. Le origini della chiesa più importante di questa città brianzola, dedicata a San Giovanni Battista, sono infatti  strettamente legate alle vicissitudini della vita di questa principessa bavarese che arrivò nella nostra penisola per convalare a nozze con il re dei longobardi Autari. Divenuta regina Teodolinda scelse Monza come residenza estiva ed accanto al magnifico palazzo fece erigere una basilica che ha rappresentato il nucleo originario dell’attuale duomo.

Per scoprire cosa vedere nel periodo natalizio a Milano vi rimando a questo articolo.

Duomo di Monza

 

Il Duomo di Monza: come raggiungerlo, dove parcheggiare ed orari

Il Duomo di Monza si trova nel cuore della città in una ampia piazza che porta il suo stesso nome. Il centro di Monza si può visitare comodamente a piedi dopo aver lasciato l’auto. I parcheggi adiacenti a questa zona sono per lo più a pagamento e non sempre a buon mercato. In posizione leggermente defilata, non più distante di dieci minuti di passeggiata, è possibile posteggiare nei pressi della stazione di Monza Sobborghi, ad una tariffa davvero conveniente. Il Duomo è chiuso solo il lunedì, mentre dal martedì alla domenica è visitabile dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, la cappella di Teodolina è visitabile dal martedì al sabato dalle dalle 9 alle 18 ed invece la domenica dalle 14 alle 18 , il museo è aperto invece dal martedì alla domenica dalle 9 alle 18. La storia di questo edificio religioso inizia quindi con il progetto della regina Teodolinda ma, attraverso i secoli, conosce fasi alterne ed anche momenti di totale abbandono. Risale al 1300 la fase di riedificazione che conferisce al duomo la forma attuale mentre è del Cinquecento una seconda fase di trasformazioni architettoniche e decorative. Continuano nei secoli successivi opere di rielaborazioni continue e costanti per tradurre in concreto i dettami imposti dalla storia ecclesiastica del tempo. Un cantiere sempre aperto si potrebbe dire e la sensazione pare confermata dai ponteggi che ancora ai nostri giorni occupano una parte della facciata.

 

Duomo di Monza

 

 

Duomo di Monza: come visitare la cappella di Teodolinda

La cappella di Teodolinda è parte integrante del Duomo di Monza ma per visitarla è necessario l’ausilio di una guida. Un grande tentaggio rosso la protegge dall’esterno e dalle possibili fonti di contaminazione che nuocerebbero ai lavori di restauro durati ben sei anni. La musealizzazione di questo luogo è finalizzata quindi alla sua corretta conservazione ed alla protezione del patrimonio che racchiude a beneficio delle generazioni future. La visita guidata deve essere prenotata ed una volta scelta la fascia oraria di preferenza bisogna giungere alla biglietteria con qualche minuto di anticipo. L’attesa fa aumentare la curiosità e quando il tendaggio viene aperto la ricchezza delle decorazioni si manifesta in tutta la sua magnificenza. La durata della visita è di circa una mezz’ora ma il tempo sembra correre troppo velocemente davanti a tanta bellezza.

 

duomo di monza

 

La nostra guida è stata bravissima nel raccontare la storia di Teodolinda come fosse una favola, riuscendo a catturare l’attenzione del pubblico più giovane. Il ciclo pittorico dedicato alla regina longobarda, opera degli Zavattari,  si sviluppa attraverso quarantacinque scene, posizionate su cinque piani sovrapposti detti registri. All’interno della cappella è narrata la storia di tutta la vita di questa donna speciale che a distanza di così tanto tempo riesce ancora a far parlare di sè. L’uso dei colori e dell’oro arricchisce le scene ed aiuta anche a  “leggere” le immagini collocate negli spazi più alti. I dettagli sono incredibilmente ricchi e preziosi e catalizzano l’osservatore come se si trovasse davanti ad un libro aperto.

duomo di monza

 

 

Tra le immagini scorrono le fasi più importanti della vita della regina tra cui quella dell’apparizione della colomba bianca che le suggerì di edificare una chiesa dedicata a San Giovanni Battista. Al centro della cappella, ben custodita all’interno di una cassaforte si trova la corona ferrea della regina, incredibilente ricca e preziosa. Questo oggetto ha un grandissimo valore simbolico perchè al suo interno conserva un chiodo proveniente dalla croce di Gesù e data la sua particolare importanza fu usata per l’incoronazione di numerosi re tra cui Carlo V e Napoleone. Questo luogo magico è oggi visitabile grazie all’impegno della Fondazione Gaiani che ha messo insieme un team di numerosi partener coinvolti nel supporto economico e scientifico per il restauro. E così dopo tanti anni e tanto lavoro le meraviglie della cappella sono fruibili da parte di tutti e la figura della regina continua ad affascinare. Tra l’altro Teodolinda ed il Duomo di Monza, dal 2011, sono stati annoverati tra i siti Unesco Patrimoni di Pace e Cultura, un riconoscimento doveroso nei confronti della lungimiranza e degli ideali diffusi dalla regina longobarda e dal luogo che ne conserva immutata la memoria. 

Duomo di Monza

La visita può essere completata con l’ingresso al Museo del Tesoro al quale si può facilmente accedere acquistando un biglietto cumulativo, disponibile anche per famiglie. I numerosi oggetti raccolti al suo interno sono la testimonianza delle vicissitudini che hanno accompagnato la storia del Duomo dalla sua fondazione ed allo stesso tempo sono una raccolta insestimabile ed unica al mondo per la rarità e preziosità dei materiali.

duomo di monza

 

Link utili

Maggiori informazioni sono reperibili sul sito del Duomo di Monza e sul sito del Museo .

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

Ti consiglio di leggere anche:

Il Cilento e le sue meraviglie archeologiche

La Rocca di Soncino

Scoprire Bergamo è un gioco da ragazzi

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *