LE PIETRE D’INCIAMPO A MILANO

Le pietre d’inciampo a Milano sono tante ed aumentano ogni anno.

Fanno parte di un grande progetto partito dalla Germania con lo scopo di non dimenticare le vittime del Nazional-Socialismo.

Le pietre d’inciampo a Milano, come in tutta Europa, sono uno stimolo costante alla riflessione oltre ad  gesto di commemorazione personale.

 

Le pietre d'inciampo a Milano

Le pietre d’inciampo a MIlano

 

Sono tanti i luoghi di Milano in cui viene mantenuta ogni giorno viva la memoria del nostro tragico passato come il Binario 21 della Stazione di Milano a cui ho dedicato uno specifico post.

 

Le pietre d’inciampo a Milano: le origini del progetto

 

 

pietre d'inciampo: il progetto

 

Gunter Demnig è un artista tedesco artefice di un progetto ambizioso. Si chiama “Stolpersteine” e nasce con l’intento di non dimenticare. Demnig non è stato di certo il primo ad elaborare l’idea di creare un monumento commemorativo in onore delle vittime perseguitate durante la seconda guerra mondiale, ma la sua intuizione ha qualcosa di geniale. Non si tratta di un’opera imponente ma di una semplice pietra dal grande significato.Un monumento diffuso in tutta Europa e di facile realizzazione.

 

pietre d'inciampo a Milano

 

Demnig per onorare la memoria delle vittime dell’Olocausto ha così iniziato a realizzare delle pietre ricoperte d’ottone (10x 10 com) con il nome di ogni vittima, la data di nascita, la data ed il luogo di deportazione e la data di morte. Per non dimenticare quella singola persona e quell’orrore nel suo complesso. Le pietre sono poi collocate davanti all’ultima abitazione della persona strappata ingiustamente alla sua quotidinità. In questo modo ogni singolo giorno tutti coloro che passano da quel marciapiede, da quelle strade, sono costretti a pensare.Sono costretti ad “inciampare” nel ricordo. 

 

pietre d'inciampo a roma

 

Da Colonia il progetto è approdato in tutta Europa, in oltre duemila città.In Italia le prime pietre sono state collocate a Roma nel 2010 ed oggi le possiamo trovare a Bolzano, Genova, l’Aquila, Livorno, Reggio Emilia, Siena, Torino, Venezia ed in centri minori. Oltre che a Milano.

 

Dove trovare le pietre d’inciampo a Milano

 

 

 

A Milano le prime pietre sono state posate nel 2017. Erano soltanto sei e nel 2018 se ne aggiunsero altre. Nel 2019 altre trenta si sono aggiunte alla lista. Grazie al “Comitato per le pietre d’inciampo” del capoluogo lombardo ogni anno, a gennaio, il numero aumenta. La settimana scorsa c’è stata la cerimonia per la posa di quelle del 2020. Un piccolo gesto che contribuisce a mantenere l’attenzione sempre puntata su quei tragici fatti. Non spegne la fiammella del ricordo ed induce a riflettere ogni singolo giorno della nostra frenetica vita. E così camminando in giro per Milano non è difficile imbattersi in questi piccoli monumenti alla memoria. Alcune volte sono singole pietre, altre sono a gruppi, a ricordo di un’intero nucleo familiare. Per notarle in alcuni casi bisogna aguzzare bene la vista perchè sono cubetti di soli 10 centimetri ma dall’immenso valore.

 

ultime pietre d'inciampo posate a milano

 

Attulamente il numero delle pietre d’inciampo a Milano è di 90 complessivamente, tenuto conto delle 28 appena posate in 21 vie cittadine (qua trovate la mappa).

Cerchiamole,osserviamole e sopratutto riflettiamo profondamente.

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

4 commenti:

  1. Come Presidente del Comitato per le Pietre d’inciampo di Milano, ringrazio per questo blog. E’ per tutti noi della massima importanza che si diffonda la coscienza e la conoscenza delle Pietre d’Inciampo: cosa sono, perchè ci sono. Soprattutto chi furono le “persone” di cui le Pietre d’Inciampo vogliono ricordare la storia.
    Ho un piccolo appunto. Gunter Demnig ha avviato il suo progetto ormai 25 anno or sono, per ricordare tutti coloro che furono vittime della persecuzione nazi-fascista, senza distinzione di razza, religione, idee politiche, orientamenti sessuali, disabilità fisiche. Dire che è “per onorare la memoria delle vittime dell’Olocausto” è riduttivo. Olocausto, come Shoah, nel pensiero comune si riferisce al progetto di genocidio degli ebrei in tutta Europa voluto e portato purtroppo a buon punto da Hitler con il suo programma di preminenza della pura razza ariana.
    Il progetto di Demnig, che vede ora oltre 75000 Pietre d’Inciampo in tutta Europa ed oltre 1300 solo in Italia, è ben più vasto e, in particolare nel nostro paese, vuole onorare anche quanti fecero una scelta ben precisa di opposizione e per questa scelta furono disposti a sacrificare la propria vita, perchè ci fosse per tutti noi un futuro migliore. E’ anche grazie a queste persone, che evidentemente con l’Olocausto non hanno nulla a che vedere, che in Italia abbiamo una democrazia che in 75 anni, anche molto diffcili, comunque riesce a sopravvivere.

    Cordialmente
    Marco Steiner
    Presidente Comitato per le Pietre d’Inciampo – Milano

  2. Un progetto meraviglioso, davvero.
    Mi informerò su quelle di Reggio Emilia, visto la mia vicinanza alla città, sarà più facile poterle vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *