IL QUARTIERE EBRAICO DI MARRAKECH: IL MELLAH

Il quartiere ebraico di Marrakech viene chiamato comunemente Mellah.

Si trova all’interno della cerchia muraria, a breve distanza dal palazzo imperiale di El Badi, tra stretti vicoli odorosi di spezie.

 

Il quartiere ebraico di marrakech

Il quartiere ebraico di Marrakech

 

Sono pochi i turisti che consapevolmente visitano il quartiere ebraico di Marrakech, i più vi arrivano per caso sulla scia della fama dei luoghi che hanno sede in questa zona.

 

Abbiamo avuto la fortuna di trascorrere i giorni della nostra permanenza in città in un riad ubicato  proprio all’interno di questo quartiere e ne siamo rimasti davvero colpiti. Vi raccontiamo cosa val la pena di visitare da queste parti.

 

il quartiere ebraico di marrakech-il mellah

 

Il quartiera ebraico di Marrakech: la storia di Mellah

 

i vicoli del quartiere ebraico di Marrakech

Gli stretti vicoli del Mellah di Marrakech

 

Il Mellah risale alla metà del ‘500 ed era il cuore nevralgico di una nutrita comunità ebraica dedita ai commerci, soprattutto di zucchero, ed alle attività bancarie.  Oltre a questo tra loro vi erano anche artigiani, gioiellieri e sarti. La sua edificazione è legata alla dinastia dei Saadiani. Il quartiere ebraico per molto tempo è rimasto una città nella città, separato da essa da mura che potevano essere attraversate solo a piedi nudi dagli abitanti. Agli ebrei veviva quindi concesso di vivere a Marrakech ma in una sorta di isolamento e per questo per approvvigionarsi avevano un mercato proprio. Le due porte di accesso venivano chiuse alla sera e durante il giorno erano pattugliate da guardie per controllare le entrate e le uscite. Oggi la comunità ebraica non risiede più da queste parti e le vecchie abitazioni sono state progressivamente ristrutturate o trasformate in riad. L’atmosfera che ancora oggi si respira passeggiando tra queste vie è molto tipica ed è piacevole perdersi nell’osservazione di questi edifici pieni di storia.

 

i tessuti del quartiere ebraico di marrakech

 

Visitare il quartiere ebraico di Marrakech:il mercato delle spezie

 

il mercato delle spezie del quartiere ebraico di marrakech

Il mercato delle spezie di Marrakech

 

Al quartiere ebraico si accede tramite la Place des Ferblantiers, la piazza dei lattonieri. Oggi la zona è più comunemente nota con il nome di Hay Essalam. Arrivando da Piazza Jam el Fna si percepisce subito la differenza. Le case hanno un’altezza maggiore di quelle presenti nelle altre zone della medina e si possono ancora notare i tipici balconi esterni. Il divieto di poter abitare in altre zone cittadine rese infatti necessario sfruttare l’altezza degli edifici. Ai dettagli architettonici si associa oggi un vago senso di decadenza che contruibuisce a caratterizzare fortemente la zona. In questa parte della città trova sede poi il mercato delle spezie, una tappa imperdibile. I profumi sono inebrianti e la quantità di prodotti esposti rende difficile resistere alla tentazione di fare affari, più o meno buoni.

 

il quartiere ebraico di marrakech

 

Visitare la sinagoga del quartiere ebraico di Marrakech

 

la sinagoga di marrakech

La Sinagoga di Marrakech

 

Non avrei mai pensato di poter trovare una sinagoga a Marrakech ed invece è capitato. Tra le strette vie di questo quartiere in cui i turisti sono ancora una minoranza, abbiamo avuto il piacere di varcare le soglie di una piccola porta che ci ha portato all’interno di un luogo di pace. L’azzurro ed il bianco sono i colori dominanti delle decorazioni, in puro stile  marocchino. Dal vasto cortile si accede ad una serie di stanze tra cui si trova la sinagoga vera e propria. Le altre camere hanno una funzione museale e rappresentano la viva testimonianza della vita degli ebrei a Marrakech. La sinagoga di Alzama non è facile da individuare ma una targa posta nella parte esterna dell’edificio testimonia la sua antica origine.

 

la sinagoga di marrakech

 

 

Il cimitero ebraico di Marrakech

 

il cimitero ebraico di marrakech

Il cimitero ebraico di Marrakech

 

Non tanto distante da qui, cinto da alte mura, si trova il cimitero ebraico. E’ noto per essere il più grande di tutto il Marocco. L’ingresso è a pagamento ma la cifra esigua merita di essere spesa per la particolarità del luogo. Si chiama Miiara ed il bianco acceccante che colpisce appena entrati è difficile da dimenticare. Le numerose tombe che ospita sono infatti ricoperte di calce bianca che sotto il cocente sole marocchino crea un effetto ottico di notevole impatto. E’ possibile accedere tutti i giorni ad esclusione del venerdì pomeriggio e del sabato. All’ingresso un pannello esplicativo racconta la storia degli Ebrei in Marocco, fornendo dettagli sulla evoluzione della loro presenza. Ha uno stile completamente diverso da tutti gli altri visti in giro per l’Europa e sono contenta di essere riuscita a vederlo. In un’epoca in cui il concetto di integrazione religiosa è sempre più difficile poter prendere spunto dagli esempi del passato è una buona lezione di vita. Accanto all’uscita si trova una fontana in cui è d’uso lavarsi le mani prima di uscire.

 

Il palazzo Bahia

 

palazzo bahia marrakech

Il palazzo Bahia di Marrakech

 

La maggiore attrazione del quartiere ebraico è il palazzo Bahia, tappa imperdibile di ogni viaggio a Marrakech. Lasciare le vie fatiscenti che accompagnano a questa meta per entrare in questo luogo di sfarzi e decori genera un certo stordimento. Ma del resto il Marocco è il paese dei contrasti.

 

palazzo bahia a marrakech

 

Il suo nome lo descrive come il  palazzo bello, il palazzo brillante e non si fa fatica a capirne la ragione. Si accede mettendosi in fila e pagando un biglietto direttamente sul posto.

 

palazzo Bahia a Marrakech nel quartiere ebraico

 

E’ aperto tutti i giorni dalle 9 alle 17. La sua storia risale  al diciannovesimo secolo ed è legata al nome di Si Moussa, ciambellano del sultano Hassan I del Marocco. Lo stile è proprio quello delle mille ed una notte, rovinato solo in parte dalle folle di turisti che rendono difficile anche scattare una foto. Con un pò di pazienza è possibile spostarsi da una stanza all’altra in un crescendo di meraviglia.

 

palazzo bahia a marrakech

 

Marmi, stucchi, sculture e dipinti su legno, zellige, vetrate: la bellezza dei dettagli è travolgente. Si tratta di una superficie vastissima, otto ettari in tutto, completati da un fresco giardino. La struttura attuale è dovuta a Ahamed Ben Moussa, successore del primo ciambellano e reggente del giovane sultano Abd al-Aziz del Marocco. Dettagli davvero degni di un grande re, o meglio della sua concubina preferita.

 

giardino del palazzo bahia a marrakech

 

I particolari della storia servono per capire meglio quanto si sta visitando ma per ammirare tanta  grandiosità bastano solo occhi curiosi.

 

il giardino del palazzo bahia

 

In una città ricca di esperienze da vivere e meraviglie da vedere addentrasi nel Mellah è un piacevole diversivo che permette di capire ancora meglio la complessità e la ricchezza di questo paese.

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

6 Comments:

  1. Pingback:COS'E' UN RIAD? TROVARE UN ALLOGGIO A MARRAKECH - Viaggi nel Tempo

  2. Infatti, avevo la percezione di averlo visto solo in parte e così è stato. Il cimitero proprio me lo sono perso e la sinagoga non ho avuto tempo per vederla…quel negozio di stoffe colorate però ho la sensazione di averlo visto di sera, mentre mi recavo a cena al Monriad…che direi si trovi da quelle parti. Niente…dovrò tornare in questa ingarbugliata e splendida città!

    • Non è facile da comprendere in una sola volta e per questo bisogna valutare di farlo a più riprese. Secondo me ne vale la pena!

  3. Pingback:ANDRE' HELLER A MARRAKECH: SCOPRIRE ANIMA GARDEN - Viaggi nel Tempo

  4. Pingback:KASBAH DI MARRAKECH: I LUOGHI DA NON PERDERE - Viaggi nel Tempo

  5. Pingback:LE CICOGNE DI MARRAKECH - Viaggi nel Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *