ITINERARIO DA BRIVIDO A MILANO

Un itinerario da brivido a Milano è la giusta occasione per scoprire angoli sconosciuti della città in questo periodo dell’anno.

Halloween è alle porte, ed anche se molti storcono il naso, questa festa  è entrata sempre più a far parte della nostra tradizione seppur abbia origini molto lontane da noi. Tra parchi tematici addobbati a puntino e feste a tema, anche in Italia non c’è che l’imbarazzo della scelta su cosa fare in occasione di questa ricorrenza. Io vi propongo qualcosa di diverso, un itinerario da brivido a Milano, da fare anche in compagnia dei bambini per unire una festa d’importazione alla scoperta di realtà tutte italiane. 

Siete pronti? Andiamo ….

Per chi è alla ricerca di qualcosa di insolito da visitare a Milano vi consiglio di leggere il mio articolo sulla Sinagoga, oppure quello relativo ai resti della Mediolanum romana.

Itinerario da brivido a Milano :San Bernardino alle Ossa

Iniziamo il nostro tour da San Bernardino alle ossa, un luogo il cui nome è già tutto un programma. Avete mai sentito parlare di questa chiesa ? Si trova poco distante dal Duomo, in pieno centro storico . Dall’esterno non ha nulla di strano e si presenta come un edificio dallo stile piuttosto sobrio. Anche l’interno, ad un primo sguardo, non sembra  far presagire nulla di pauroso ma imboccando un piccolo corridoio a destra, subito dopo l’ingresso, ci si imbatte in una cappella capace di far tremare dalla testa ai piedi.

Itinerario da brivido a Milano

San Bernardino alle ossa

 

Una quantità imprecisata di teschi ricopre tutte le quattro pareti della stanza fino al soffitto. Trovarsi da soli tra queste mura non regala una piacevole sensazione, soprattutto nelle giornate più uggiose. Ad un’osservazione un pò più accurata ci si accorge che oltre alle ossa craniche, altre tipologie di resti umani si accalcano ai lati della cappella sostenuti da una fitta rete metallica oppure composti in croci  dall’aspetto inquietante. Sulla provenienza di queste ossa esistono numerose leggende: c’è chi parla dei resti di cristiani uccisi dagli eretici, chi di martiri o santi, chi ancora di vittime dell’epidemia di peste.

 

Itinerario da brivido a Milano

Itinerario da brivido a Milano

 

Per capire da dove provengano con più probabilità questi resti basta documentarsi rapidamente sull’origine dell’edificio. Pare infatti che intorno al 1127  Gottifredo de’ Busseri fondò l’Ospedale di Santo Stefano davanti alla omonima basilica a cui venne presto annesso un piccolo cimitero.  Esigenze  tecniche dell’ospedale resero necessario ampliare lo spazio destinato al riposo dei defunti e venne quindi costruita una  stanza apposita per contenere i resti umani e successivamente una piccola chiesa ad essa adiacente che a partire dal XV secolo fu gestita dalla Confraternita dei Disciplinati e quindi dedicata a San Bernardino. L’orgine di questo mistero è  presto svelata. L’effetto da “brivido” è comunque assicurato una volta varcata la soglia di questa cappella in cui la volta riccamente decorata crea un certo constrasto con gli arredi ricavati da resti umani. Resta comunque un luogo di culto dal fascino unico tanto che un sovrano spagnolo nel 1700 decise di copiarlo per farne edificare una cappella identica nella madre patria.

 

Itinerario da brivido a Milano: la Cripta di San Sepolcro, dentro i meandri della città

Bisogna scendere nel sottosuolo di Milano per scoprire la cripta di San Sepolcro, uno dei luoghi più affascinanti del capoluogo lombardo e proseguire nel nostro itinerario. Se siete riusciti a mantenere i nervi saldi fino a questo punto, percorrere gli scalini che conducono dentro alla storia cittadina vi sembrerà una cosa molto semplice. La Cripta si trova sempre nel cuore del centro storico, nei pressi della chiesa di San Sepolcro, nell’omonima piazza. Non è facile notare l’apertura che conduce all’accesso sotterraneo, letteralmente addossato al corpo dell’edificio principale e rimasto inaccessibile a cittadini e turisti per lunghissimi anni.

itinerario da brivido a Milano

San Sepolcro

 

Dal 2015 questo spazio è tornato  a far parlare di sè, tassello fondamentale nella ricostruzione del passato meneghino. A questo livello di profondità si sviluppava la Milano romana, o più precisamente Mediolanum. Approfondite indagini hanno infatti dimostrato che tutta questa area fosse occupata dal Foro, il cuore quindi della vita della civitas dell’epoca. Le lastre in pietra detta “di Verona” che ricoprono la Cripta sarebbero infatti appartenute ad edifici romani e poi destinate a nuovo uso nei secoli successivi. Un brivido corre lungo la schiena quando s’inizia a calpestare questo pavimento, pensando a quanto tempo sia trascorso da allora e quante testimonianze conservi al proprio interno.  La luce soffusa e le fitte colonne creano un’atmosfera di forte suggestione, accentuata dall’apertura  del luogo solo in orario serale.

Itinerario da brivido a Milano

Itinerario da brivido a Milano

 

L’edificazione della chiesa e della relativa parte sotterranea risalgono all’anno mille ad opera di Benedetto detto il Ronzone, in piena  epoca di Crociate. Molti cavalieri milanesi presero parte a queste battaglie e, dopo la riconquista della Terra Santa , l’Arcivescovo di Milano del tempo decise di cambiare l’ intitolazione della chiesa , in cui tra l’altro è custodita una copia del sarcofago di Gesù contenente terra di Gerusalemme ed altre reliquie di cavalieri, a favore di San Sepolcro. Il più antico dei luoghi di culto  sotterranei di Milano è intriso di mistero e reca traccia degli antichi rituali che si svolgevano all’interno. Anche il grande Leonardo pare aver subito il fascino di questo luogo, lasciando all’interno del Codice Atlantico degli scritti in cui ne riprodusse la planimetria. Perfino il Cardinale Carlo Borromeo aveva una particolare attrazione per questo posto in cui passava anche intere notti a pregare.

Itinerario da brivido a Milano

Ciò che resta di un bellissimo affresco dedicato a Maria Maddalena e l’esposizione di un fac-simile del telo della Sacra Sindone completano la suggestione. Da pochi giorni inoltre alcune installazioni di Bill Viola, famoso esponente americano dell’arte contemporanea, arricchiscono il percorso di visita della Cripta favorendo una profonda riflessione sulle profonde tematiche della  vita e della morte. La Cripta quindi si offre al visitatore come un luogo intriso di storia in cui il passato ed il presente continuano ad intrecciarsi .

 

Itinerario da brivido a Milano, tappa al Cimitero Monumentale, tra gli uomini che hanno reso la città

Siamo arrivati alla nostra ultima tappa, un pò più defilata rispetto alle precedenti in quanto collocata nei pressi di Porta Nuova. L’idea di visitare un cimitero, mi rendo conto, può parere bizzarra ma in realtà, una volta varcati i cancelli di questa vasta area, l’aria lugubre lascia il posto allo stupore che si prova davanti alla maestosità di certe opere.

Itinerario da brivido a Milano

Il cimitero monumentale di Milano

 

Oltre ad essere luoghi destinati al riposo eterno, i campi santi sono molto spesso  custodi importanti di un pezzo di storia cittadina sopratutto quando si parla di grandi città. Capita a chiunque quando si è in visita ad una meta estera di voler fare sosta davanti al sepolcro di qualche illustre personaggio, mentre quasi mai succede quando siamo in Italia. Passeggiare  tra gli  ordinati viali del Cimitero Monumentale di Milano può diventare quindi un’occasione per trascorrere una giornata in famiglia, pervasa da un certo alone di mistero, commemorando allo stesso tempo i nomi più illustri della città. 

Itinerario da brivido a Milano

Itinerario da brivido a Milano

 

Si capisce da subito che alla base della sue edificazione c’è una chiara volontà artistica impressa dall’architetto Carlo Maciachini secondo uno stile eclettico dai rimandi bizantini, gotici e romanici. Le decorazioni presenti su ogni singolo sepolcro non fanno che acuire questa sensazione di “museo a cielo aperto” che si percepisce non appena entrati. Il Famedio è il primo imponente luogo meritevole di una sosta. Molti milanesi illustri riposano sotto l’ampia cupola riccamente ornata tra cui Alessandro Manzoni il cui sargofago è collocato al centro dell’ampia stanza. Da questa posizione si sviluppano due ampi corridoi in cui si susseguono decorazioni di una raffinatezza incredibile.

 

Itinerario da brivido a Milano

 

Itinerario da brivido a Milano

 

Riprendendo a camminare tra i viali del Monumentale ci si imbatte in aree dedicate a raggruppare i defunti di particolari etnie come il “riparto degli israeliti”in cui riposano persone uccise dai nazisti oppure vittime dei campi di concentramento. Momenti di profonda commozione si alternano ad altri più leggeri quando ci si imbatte in opere d’arte dal fascino indiscusso.

Itinerario da brivido a Milano

 

Itinerario da brivido a Milano

 

Itinerario da brivido a Milano

 

Sono tante le sensazioni che possono scaturire da questo tipo di visita, spesso contrastanti tra loro. Si respira sacralità e mistero, pace e sofferenza, il senso dello scorrere del tempo e della precarietà delle cose accanto all’immortalità dell’arte. In una sola parola entrare al Monumentale significa fare un viaggio nel tempo tra la storia del ricordo dei suoi abitanti illustri e meno.

Il nostro itinerario da “brivido” termina qui. Spero che questi spunti possano essere di aiuto a chi vuole vivere una giornata diversa, magari in coincidenza con Halloween od Ognissanti, alla scoperta di un patrimonio tutto italiano, talmente grande da poter essere letto in tantissime chiavi diverse.

 

Per altre idee sul tema vi suggerisco di leggere anche la storia della mia visita al Binario 21 della Stazione di Milano

 

 

Info utili

San Bernardino alle Ossa è visitabile dal lunedì al sabato dalle 7,30 alle 12 e dalle 13 alle 18.

La Cripta di San Seplocro è aperta dal 18 ottobre dalle 17 alle 22 in occasione della mostra di Bill Viola.

Il Cimitero Monumentale è aperto dal martedì alla domenica dalle 9 alle 17, all’interno è presente un Info Point in cui chiedere informazioni e prendere la mappa della struttura.

Link utili

Cripta San Sepolcro

Cimitero Monumentale di Milano

(Testi e foto di Serena Borghesi- le foto della Cripta sono state gentilmente concesso dall’Ufficio stampa del Gruppo MilanoCard- riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *