IL PARCO DI SAN GRATO FESTEGGIA IL SESSANTESIMO ANNIVERSARIO

Parco San Grato

 

Nei pressi di Carona, sopra a Lugano, sorge il Parco di San Grato, una vasta area verde ricca di fioriture ed alberi maestosi. Poco fuori dal centro cittadino una strada s’inerpica tra le colline fino ad arrivare a seicento metri di altezza sul livello del mare dove sorge un giardino botanico di rara bellezza, aperto tutti i giorni dell’anno ad ingresso gratuito. Ricorre proprio quest’anno il sessantesimo anniversario dalla sua creazione ed il calendario è denso di appuntamenti volti a valorizzare il patrimonio custodito al suo interno. Negli oltre sessantamila metri quadrati di estensione è ospitata la più grande collezione di azalee, rododendri e conifere di tutta la regione.

 

Parco San Grato

 

Tra aprile e maggio le fioriture raggiungono l’apice ed il susseguirsi di pennellate di varie tonalità lungo i sentieri di San Grato rendono la visita un vero spettacolo. Alla bellissima vegetazione si accompagnano scorci sul lago Ceresio davvero stupefacenti che trasformano una semplice passeggiata in una continua conquista di prospettive sempre nuove ed emozionanti. Da questa posizione infatti lo sguardo spazia sulle vette della catena alpina circostante e sugli incontaminati dintorni. Un’oasi tutta immersa nella natura in cui vivere giornate in piena libertà con tutta la famiglia.

 

San Grato

 

Parco San Grato

 

San Grato

 

Per andare alla scoperta di  questo ambiente che si inerpica sinuosamente sui fianchi della montagna è possibile scegliere tra uno dei quattro sentieri tematici principali, differenti per lunghezza, difficoltà e tipologia di visita. Si tratta del Sentiero Botanico, del Sentiero Panoramico, del Sentiero Relax e del Sentiero della Fiaba. A questi si accompagnano il percorso artistico volto a scoprire le installazioni presenti nel giardino e quello sensoriale, organizzato in date specifiche allo scopo di vivere la natura attraverso il coinvolgimento di tutti i sensi. Per quanto riguarda i quattro sentieri principali la scelta sul percorso più adatto alle proprie esigente può essere effettuata consultando la mappa presente all’ingresso del parco.

 

San Grato

 

Il Sentiero Relax è il semplice in quanto si sviluppa su suolo asfaltato e può essere indicato a chi ha al seguito il passeggino. Il Sentiero Botanico e quello Panoramico sono leggermente più impegnativi ma comunque percorribili anche dai bambini senza alcuna difficoltà . Il Sentiero della Fiaba è un piacevole circuito ad anello in cui viene narrato un racconto molto tenero, a sfondo naturalistico, grazie all’ausilio di cartelloni di colore rosa a forma di farfalla. Attraverso i sentieri più lunghi si ha la possibilità di vedere e vivere il Parco in maniera più approfondita, scoprendo i dettagli della piante presenti e godendo al massimo dei colori e dei profumi della sua straordinaria natura. Al centro di San Grato si trova un parco giochi, disposto su due livelli, davvero ben curato. Nei vasti prati è possibile rilassarsi, giocare ed anche preparare il pranzo sulle griglie messe a disposizione dei visitatori.

San Grato

 

San Grato

 

Per chi invece preferisce le comodità, un ristorante presente all’interno dell’area può essere una valida soluzione. Non manca nulla al Parco di San Grato, neppure un divertente labirinto in cui mettere alla prova il proprio senso dell’orientamento ed in più, in occasione del sessantesimo anniversario, sono tantissimi gli appuntamenti da tenere alla mente per ammirare al meglio questo questo angolo di mondo così prezioso.  

 

Info utili:

Il Parco di San Grato è aperto tutto l’anno e l’ingresso è gratuito. Su richiesta è possibile effettuare una visita con guida. Il Parco si può raggiungere in auto (il parcheggio si trova vicino alla piscina di Carona) oppure con l’autopostale linea 434 Lugano-Carona. 

Link utili:

Ente del turismo di Lugano 

 Parco San Grato

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

Share on Facebook0Share on Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *