TRE GIORNI A TROPEA

Durante il nostro ultimo tour della Calabria abbiamo trascorso tre giorni a Tropea.

Una tappa in questa deliziosa località della costa tirrenica della Calabria era d’obbligo dopo aver ammirato Diamante e dintorni.

L’abbiamo scelta per le sue spiagge famose, il suo centro storico e le attività da fare nei dintorni.

 

 

tre giorni a tropea

Tre giorni a Tropea

 

 

Tre giorni a Tropea non sono molti ma comunque abbastanza per capire quanto bella ed accogliente sia questa località calabrese.

Da non perdere in zona il collezionista di venti, a Pizzo Calabro.

Il borgo di Tropea

 

borgo di tropea

 

 

La collocazione di Tropea è unica e non lascia indifferenti. Pare aggrappata ad uno sperone di tufo. proteso sul mare blu. Arrivando in auto oppure passeggiando a piedi si ha la continua sensazione di dover conquistare una salita per poi scendere nuovamente. La sua posizione dominante a cinquanta (sessanta nei punti più alti) metri sopra il livello del mare è uno dei suoi punti di forza. 

Si compone di una parte superiore ed una inferiore detta “Marina” che si sviluppa tra il mare ed il porto. La parte superiore è il cuore della vita cittadina, un balcone naturale con affacci bellissimi. 

 

in centro a tropea

 

 

Gli storici edifici, la sua lunga storia e gli scorci da cartolina hanno permesso a Tropea di vincere l’edizione del concorso “Borgo dei Borghi” e di essere dunque nominata il borgo più bello d’Italia.

Come arrivare a Tropea

Tropea si trova nella parte centrale della costa tirrenica, proprio nel cuore della Calabria. Si raggiunge in auto, treno o aereo tramite lo scalo di Lamezia Terme, dove atterrano sia compagnie low cost che voli di linea. Scegliere il mezzo migliore con cui arrivare a destinazione è soggettivo e dipende dal tempo a proprio disposizione e dal tipo di viaggio che si vuole mettere a punto.

Se lo scopo è raggiungere Tropea e restare nei dintorni di sicuro utilizzare l’aereo potrà essere la soluzione migliore e più rapida. Un’auto a noleggio è comunque consigliata per essere autonomi e poter organizzare un’escursione nei dintorni. 

 

tropea borgo dei borghi

 

 

A Tropea non è semplicissimo trovare parcheggio per l’auto, soprattutto in alta stagione. Bisogna tenerne conto sia mentre si sceglie la location in cui soggiornare che per le uscite serali. 

Nel centro storico ci sono B&B molto carini mentre per avere strutture più ampie, dotate magari di piscina, bisogna allontanarsi un pochino dal centro. Ovviamente questo a beneficio anche del portafoglio. 

L’offerta è comunque molto ampia e diversificata. 

Nel nostro ultimo soggiorno abbiamo optato per una soluzione molto gradevole, a quindici minuti dal borgo. Si chiama b&b Il Cavaliere e ci sentiamo senza dubbio di consigliarlo a tutti.

Quanti giorni stare a Tropea?

A questa domanda non si può che rispondere con un “dipende”. Per molti può essere la perfetta location per le vacanze balneari, per altri la tappa di un tour più lungo della regione.

Tre giorni permettono di poter assaporare le trasparenze del suo mare e di fare incetta di bei panorami. Ma anche godersi una passeggiata nel centro storico, indugiando tra i molti dettagli, è sicuramente molto piacevole.

 

 

quanti giorni stare a tropea

 

 

Per i più pigri o per coloro che cercano il relax estivo può senza dubbio rappresentare il punto nevralgico da cui partire alla ricerca della spiaggia perfetta. Sono molteplici infatti i lidi e litorali che la coronano.

Per altri può essere invece la base da cui partire per scoprire altre località della costa tirrenica, siti archeologici o bellezze naturali.

Di sicuro vederla distrattamente in poche ore non le renderebbe giustizia. Quindi sappiate prendervi il tempo necessario per viverla con la dovuta calma e non ve ne pentirete. 

Cosa vedere nel centro storico di Tropea

Tropea è una chicca da ammirare di giorno e di sera. Il colore della pietra con cui sono costruiti i palazzi e lastricate le strade, il dedalo di viuzze, i peperoncini appesi ai negozi, i dettagli sparsi per il centro del borgo la rendono una meta piacevole e molto apprezzata dai turisti italiani e stranieri. Non a caso è soprannominata la “perla del Tirreno”.

 

 

centro storico di tropea

 

La sua lunga storia impreziosisce ed arricchisce poi ogni visita perché i segni del suo prestigioso passato sono numerosi e ben evidenti.

Vuole la tradizione che fu edificata da Ercole, durante le sue peregrinazioni con gli Argonauti alla ricerca del Vello d’Oro. in seguito passarono di qui Romani, Normanni ed Aragonesi. 

Durante una passeggiata val la pena di soffermarsi a fare visita alla Concattedrale normanna. E’ dedicata alla Madonna di Romania, protettrice della città.

 

 

cipolle di tropea

 

 

Numerosi i palazzi nobiliari su cui posare lo sguardo. Si tratta di edifici del Settecento caratterizzati da tipici balconi, alcuni dei quali affacciati direttamente sul mare. Sono davvero tanti ma su tutti merita una menzione Palazzo Toraldo, sorto sulla sede dell’antico castello. Tra le sue fondamenta sono stati rinvenuti i resti di un’antica necropoli paleocristiana, risalente al IV secolo. 

 

 

concattedrale normanna

 

 

All’interno di Palazzo Santa Chiara in Largo Ruffa si trova il recentissimo Civico Museo del Mare, dedicato alla Paleontologia ed alla biologia marina.

Tante anche le graziose piazzette a cui conducono gli stretti vicoli. Piazza Ercole è dedicata all’antico fondatore.

Gli affacci di Tropea

 

affacci di tropea

 

La famigerata posizione in cui Tropea è collocata è stata sfruttata a giusta ragione per realizzare affacci e balconi impareggiabili. Uno dei ricordi che più restano impressi di questa località sono senza dubbio le sue vedute da carolina sul litorale, il mare e Santa Maria dell’Isola.

Cinque gli affacci da non perdere:

  • Affaccio dei Sospiri Tropea: è considerato il più bello e suggestivo
  • Largo Duomo: si trova alle spalle della Cattedrale della città e guarda la parte nord della costa
  • Largo Galluppi (detto anche affaccio dei Carabinieri)
  • Affaccio del cannone: famoso e molto caratteristico si apre proprio sull’isola
  • Belvedere Rico Ripa: stretto tra due palazzi in Corso Migliarese

 

affacci tropea

 

 

Da qui nelle giornate più terse si vedono le isole Eolie ed è possibile ammirare tramonti da sballo. Unica controindicazione l’alto numero di turisti intenti ad immortalare l’attimo. Insomma, per godersi il panorama con la dovuta calma e scattare foto di qualità serve avere pazienza!

Una curiosità: gli affacci sono chiamati dai locali “villette”. 

Santa Maria dell’Isola

 

santa maria dell'isola

 

 

Uno dei fiori all’occhiello di Tropea è la sua singolare isoletta, o meglio ciò che ne resta. In passato completamente staccato e circondato d’acqua, oggi questo sperone roccioso è legato alla terra ferma e si conquista con una lunga scalinata. Val la pena di prendere fiato ed arrivare in cima per avere un panorama incantevole e per conoscere un angolo di Tropea di vera pace.

Da non perdere la visita alla chiesa di Santa Maria ed il giardino che la circonda. L’edificio religioso fu opera dei frati Benedettini che la realizzarono in stile Alto-Medioevale. Fu ricostruita più volte a causa dei frequenti terremoti fino a diventare Basilica durante il Rinascimento. 

 

da santa maria dell'isola

 

Un giardino mediterraneo arricchisce e completa la visita. Si accede con un biglietto del costo di 2 euro. Al suo interno si può passeggiare, godersi attimi di relax e contemplazione ma soprattutto scattare bellissime foto.

Le spiagge di Tropea

Scegliere Tropea in estate significa anche e soprattutto voler trascorrere del tempo nel suo mare meraviglioso. Le trasparenze in questo tratto di costa sono davvero incredibili. 

La lunga linea costiera procede pressoché ininterrotta dal moderno porto turistico verso sud. La Costa degli Dei ha in questo tratto manifestazioni meravigliose nelle sfumature, nella qualità dell’acqua e della sabbia.

 

spiagge di tropea

 

 

Ogni tratto ha un nome proprio che lo identifica ed alcune caratteristiche salienti.

La spiaggia del cannone, la grotta di San Leonardo, mare piccolo, mare grande.

In parte libera ed in parte attrezzate, le spiagge di Tropea offrono mille servizi ed opportunità. Da non perdere una gita in pedalò per circumnavigare Santa Maria dell’Isola e fare tuffi indimenticabili.

 

spiagge tropea

 

Per giornate all’insegna del massimo relax noi suggeriamo Lido Tropical, uno stabilimento balneare dotato di bar e cucina. E’ stato il nostro punto di riferimento delle nostre giornate a Tropea. 

Degustazione di cibi tipici : Furchi’ Wine a Tropea

 

furchi' wine a tropea

 

Tropea ha una forte vocazione rurale che non può essere dimenticata. Associare il borgo alla famosa cipolla è a dir poco doveroso. Dolce e perfetta in mille abbinamenti è il valore aggiunto ad una visita da queste parti. Anche peperoncino, nduja di Spilinga, formaggi, vini ed olio locale meritano di essere menzionati.

 

 

furchi' wine

 

 

Per una vera immersione nel gusto oltre che nella bellezza ci si può spingere sulle alture a vivere un’esperienza bucolica.

Furchì Wine è il luogo giusto per scoprire le radici della gente del posto ed assaporarne i prodotti.

E’ una realtà giovane quanto appassionata che completerà il racconto di una terra ricca e generosa in ogni sua manifestazione. 

Tropea di sera

Se aspettare il tramonto a Tropea è un rito anche le sue serate sanno essere ricche di opportunità. Per la cena si può optare per un locale in riva al mare oppure per una trattoria tra i vicoli. Le proposte sono eccellenti. Alcuni locali sono più informali, altri più ricercati. Minimo comune denominatore la qualità e la tradizione. Dopo cena è d’obbligo una passeggiata tra i negozi di souvenir dove trovare un buon liquore calabro da portare a casa ed una sosta per il gelato. Se non sapete resistere alle tentazioni il tartufo di Pizzo è la parola d’ordine.

Tre giorni a Tropea: scoprire i dintorni

La Costa degli Dei ha davvero tanto da offrire e trovare il tempo per conoscerla è sicuramente una buona idea. Da Pizzo passando per Capo Vaticano, dalle grotte di Zungri alle spiagge incontaminate di tutto il litorale, sono tante le attrazioni turistiche a cui dedicarsi. 

La provincia di Vibo Valentia è ricca di storia e tradizione. Vale la pena soffermarsi a conoscere la produzione di Callipo ed assaggiare i loro deliziosi prodotti. A Pizzo Calabro meritano una visita le spiagge, la chiesetta di Piedigrotta, il centro storico, il castello di Murat ed ovviamente doveroso un assaggio di tartufo. Imperdibile al tramonto una sosta nei pressi del “collezionista di venti”.

 

la costa degli dei

La Costa degli Dei

 

Capo Vaticano dista pochi chilometri da Tropea e deve la sua fama a spiagge bellissime e mare cristallino. Idealmente il capo chiude questo tratto di costa e delimita una porzione di Calabria. Questo promontorio roccioso vanta un passato leggendario. Pare infatti che in passato un oracolo si trovasse proprio da queste parti. Alla grotta sua dimora i naviganti si recavano prima di effettuare nuove avventure via mare. Resta ricordo di questa leggenda lo scoglio Mantineo il cui nome significa proprio comunicare con la volontà divina. 

Da fare sicuramente un’uscita in pedalò partendo proprio dalla spiaggia di Capo Vaticano per ammirare le vare insenature della costa.

 

Tropea è un luogo della Calabria da conoscere ed ammirare, di giorno come di sera. Un concentrato di storia, bellezze e tipicità che ha contribuito ad accrescere la fama di un’intera regione.

 

 

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *