COSA VEDERE IN UNA SETTIMANA NEL CILENTO

Cosa vedere in una settimana nel Cilento è la domanda ricorrente che mi sono fatta mentre organizzavo il nostro viaggio in questa parte della Campania facente parte della provincia di Salerno. La concentrazione di bellezze naturali, siti archeologici, spiagge e borghi rende difficile compiere una scelta che non escluda nulla di significativo ma permetta invece di toccare le emergenze più rappresentative di questa sub-regione fregiata dall’Unesco del titolo di bene patrimonio dell’umanità. Con una pianificazione accurata siamo riusciti a farci un’idea precisa del territorio e ad apprezzare la piacevole alternanza di cultura e di elementi naturali  di questo tratto di litorale campano davvero ben conservato.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

Trasparenze a Palinuro

 

Per avere una panoramica completa su cosa vedere in una settimana nel Cilento , vi rimando a questo articolo  relativo ai siti archeologici.

Cosa vedere in una settimana nel Cilento: organizzare al meglio il viaggio

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

La costa del Cilento verso Palinuro

 

Per arrivare in Cilento dal nord Italia le soluzioni più comode sono l’aereo che arriva a Napoli o, ancora meglio il treno che ferma direttamente a Salerno, la città più comoda per partire all’esplorazione di questa parte di Campania. Con la linea ferroviaria veloce, Italo o le Frecce di Trenitalia,  si arriva da Milano a Salerno in circa sei ore con la massima comodità e senza stress. Abbiamo testato personalmente questa opzione e ci siamo trovati davvero molto bene ed anche i bambini hanno sopportato bene il viaggio. Un comodo autonoleggio, ubicato a cinque minuti a piedi dalla stazione ci ha permesso di essere subito pronti per partire alla scoperta della zona. Dalla strada costiera che da Salerno conduce nel Cilento abbiamo  potuto ammirare la costa e tanti graziosi borghi affacciati sul mare che sarebbero diventati meta delle nostre successive giornate. Come base per il nostro alloggio abbiamo optato per Casal Velino collocato più o meno a metà della linea di costa e ne siamo rimasti soddisfatti, Villa Carlu’ il nome del nostro appartamento trovato su booking. Importante come sempre iniziare a pianificare il viaggio con anticipo per trovare le tariffe migliori dei biglietti ferroviari e scegliere la sistemazione più congeniale alle proprie esigenze. 

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

Il borgo di Acciaroli

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento: i borghi più belli

Tra gli elementi che maggiormente contraddistinguono il Cilento ci sono  i suoi borghi pittoreschi, alle volte posti a due passi dal mare, altre arroccati alle colline. Uno dei più noti, ed a giusta ragione, è Castellabate diventato famoso per aver ospitato le scene del famoso film di Bisio “Benvenuti al Sud”. Non uno ma due paesi hanno fatto da location alla pellicola: Santa Maria , la parte a mare,  e Castellabate vero e proprio arroccato sulle alture. Il primo è solare e brulicante di vita, una vera e propria località balneare spumeggiante come le onde che la bagnano. S’incontrano alcuni scorci davvero suggestivi mentre si cammina tra i vicoli per raggiungere la spiaggia, tra antichi palazzi e la bellissima chiesa di Santa Maria a mare.

 

Cosa vedere in una settimana in Cilento

Santa Maria di Castellabate

 

Molto bello il colpo d’occhio sul porto delle Gatte, un’ insieme di archi affacciati sul porticciolo risalenti al XII secolo e facenti funzione di magazzino per conservare le merci. La parte alta è ancora più scenografica sia per i panorami mozzafiato che regala che per gli edifici di cui è ammantata. L’ora giusta per fare visita a Castellabate è il tramonto perché dalla cima del paese è possibile vedere il sole gettarsi direttamente in mare.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

 

Lasciata l’auto nel parcheggio lungo la strada, la visita al paese è tutta un’arrampicata nel cuore del  bellissimo borgo medioevale in cui sembra di  essere già stati ripensando alle immagini del film. Tante piazze interessanti, palazzi dal fascino antico ed iscrizioni toccate dai segni del tempo accompagnano nella visita fino all’arrivo al castello, meta agognata. Con le vedute che regala, l’impegno profuso nella salita è ampiamente ripagato.

 

Cosa vedere in una settimana in Cilento

Tramonto a Castellabate

 

Altro paese molto interessante del Cilento è Acciaroli, posto in riva al mare. Una torre di avvistamento normanna ed una chiesa del XII secolo dedicata all’Annunziata sono i prestigiosi edifici che accolgono i turisti in visita.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

I vicoli di Acciaroli

 

Tra i vicoli del borgo negozi e ristoranti si alternano senza soluzione di continuità offrendo prodotti tipici e profumi davvero invitanti. Più lontano dal mare si trova Pisciotta, paese letteralmente immerso tra gli ulivi. L’origine dell’abitato si perde nella notte dei tempi e il suo arrampicarsi sulle colline sembra in qualche modo evocare la sua storia fatta a strati. Passando tra le sue strade non si può restare immuni al suo fascino senza tempo.    

 

Cosa vedere in una settimana in Cilento

Pisciotta

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento: le spiagge 

Inutile dire che uno dei vanti del Cilento sono le sue fantastiche spiagge che si rincorrono lungo tutto il litorale. A partire da Paestum fino ad arrivare al confine con la Basilicata se ne possono trovare per tutti i gusti e di tutte le dimensioni. Dalle enormi distese di sabbia alle piccole baie riparate, una più bella dell’altra.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

La spiaggia di Paestum

 

 

Nella nostra settimana in Cilento avendo molte cose in programma abbiamo passato al mare dei ritagli di tempo ed abbiamo trovato delle trasparenze davvero interessanti. Ci è piaciuta molto la spiaggia di Santa Maria di Castellabate, molto tranquilla nel mese di settembre ed ideale per trovare refrigerio prima di partire alla scoperta del paese.

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

Un tuffo a Santa Maria di Castellabate

 

Ad Ascea Marina una lunga spiaggia di soffice sabbia dorata è circondata da dune su cui crescono in abbondanza i gigli di mare, una natura così bella e fragile che è tutelata all’interno di un’area protetta. Proseguendo verso sud la costa diventa ancora più selvaggia per culminare nella zona di Marina di Camerota e  Palinuro in cui si trovano spiagge davvero superlative.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

La spiaggia di Ascea

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento: le escursioni da non perdere

Arrivare a Palinuro significa addentrarsi nel cuore del Cilento più autentico in cui la storia e la natura si fondono in un sol tutto. Tanto per incominciare il nome Palinuro richiama alla mente il nocchiero della flotta di Enea e quindi fa pensare ad un legame molto forte tra la mitologia e questa penisola fatta di roccia ed insenature spettacolari.

 

Panorama dal Faro di Palinuro

Cosa vedere in una settimana in Cilento

 

Vale la pena di resistere alla tentazione di tuffarsi subito in mare e fare un giro sulle alture per ammirare tutto dall’alto e per avere la visuale migliore è opportuno spingersi fino al faro. La vista che si apre da quassù è un vero incanto e permette di ammirare la particolare conformazione delle rocce che compongono la costa. Fatto questo, per cambiare prospettiva bisogna scendere al mare e pianificare una gita in barca.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

Il mare dei Bagni Alessandro

 

Per fare questo ci siamo rivolti ai bagni Alessandro dove è possibile trascorrere alcune ore sulla spiaggia attrezzata in attesa del proprio tour o al termine dello stesso. Nei periodi di bassa stagione è possibile trovare parcheggio nelle aree apposite a pagamento mentre in alta stagione è consigliabile utilizzare la navetta che parte dal centro del paese di Palinuro. Il tour è molto bello e permette di conoscere le maggiori attrattive della zona. La durata è di circa due ore e prevede una sosta per fare il bagno. E’ adatto per grandi e piccini e soddisfa ampiamente le aspettative di tutti.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

La Grotta Azzurra di Palinuro

 

La prima tappa è presso la Grotta Azzurra in cui si resta abbagliati dalle cromie del mare, si prosegue alla volta della Baia del Buon Dormire in cui si può fare un bel bagno tra le acque trasparenti. Al pomeriggio la spiaggia rimane un pò in ombra ma i colori sono comunque molto belli. La gita va avanti tra le scogliere a picco sul mare e le insenature che si sono formate qua e là fino ad arrivare al famoso arco naturale per poi riprendere la via del ritorno. Questa gita è d’obbligo per ammirare le bellezze della zona. 

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

La Baia del Buon Dormire

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento: una visita ad una fattoria di bufale

Bellezze naturali, archeologia e borghi antichi non sono le sole cose che caratterizzano e descrivono il Cilento. Il buon cibo è senza dubbio una componente importante di questa terra in cui il sole e il clima mite per la maggior parte dell’anno  contribuiscono a far crescere frutta e verdura dal sapore inconfondibile. Ma il Cilento è soprattutto la patria delle bufale dal cui latte si producono mozzarelle e mille altre prelibatezze.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

Visita alla tenuta Vannulo

 

Quindi non si può dire di aver capito questa regione senza aver fatto visita ad una fattoria di bufale ed aver assaggiato ciò che producono. Alla tenuta Vannulo, a Capaccio vicino a  Paestum, è possibile fare un viaggio all’interno di questo mondo affascinante e gustosissimo, partendo proprio dalla conoscenza delle bufale. Abbiamo avuto la fortuna di essere accompagnati in una visita guidata alla scoperta delle stalle e di tutti i locali che compongono questo microcosmo per conoscere  i segreti della produzione dalla scelta del bestiame in poi. Duecento bufale indiane sono presenti in azienda per garantire il costante approvvigionamento di latte che ogni giorno viene utilizzato per produrre centinaia di chili al giorno di mozzarelle solo per i privati.

 

Cosa vedere in una settimana nel Cilento

Le bufale

 

Il nome di questo formaggio fresco deriva proprio dalla sua forma che viene data a mani nude dal casaro proprio “mozzando” la pasta filata che si trova nell’acqua fredda a mani nude. Ma non solo prodotti della tradizione vengono realizzati all’interno della tenuta bensì ogni genere di delizia tra cui anche il gelato a base di latte di bufala, una vera particolarità che abbiamo degustato ed apprezzato. All’interno degli spazi curatissimi di questa florida azienda abbiamo conosciuto un lato fortemente caratterizzante di questa zona ed abbiamo concluso la nostra settimana molto soddisfatti ed appagati dell’insieme di cose apprese ed assaporate durante la nostra permanenza.

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

 

8 Comments:

  1. Il mare ha sfumature stupende!! Ma soprattutto mi piacciono i posti che non hanno solo mare da offrire, ma anche storia e cultura!

  2. Molto interessante . Ci sono tanti posti meno noti che vale la pena di scoprire sopratutto con i bambini . Prendo appunti

  3. Ho sempre sentito parlare della grotta azzurra ma nn ci sono ancora mai andata! Dev’essere spettacolare!

  4. che mare!!!!!! sai che non ci sono mai stata in questa zona! grazie per i super consigli magari un giorno!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *