MUSEO LEONARDO DA VINCI: A MILANO SI CRESCE ESPLORANDO

Museo Leonardo da Vinci-Milano

 

Il Museo Leonardo Da Vinci di Milano è il più grande museo tecnico-scientifico d’Italia. Ospitato all’interno di un monastero olivetano del Cinquecento si estende su una superficie di cinquantamila metri quadrati . Ciò significa che una volta entrati perderete completamente la cognizione del tempo, catturati da esposizioni, esperimenti, percorsi di vario genere e tutto un mondo a vostra disposizione da esplorare e conoscere. Se questo è l’effetto che questo luogo è capace di ingenerare negli adulti, pensate lo stupore che, fin dall’entrata, si dipinge nei volti dei più piccoli.  Una volta varcata la soglia, una dettagliata offerta di brochures suggerisce diverse possibilità di visita ed una mappa dei piani aiuta a non perdere l’orientamento.

 

Museo Leonardo da Vinci-Milano

 

Oltre all’edificio principale, il museo ha a propria disposizione uno spazio all’aperto in cui spesso trovano posto mostre ed installazioni particolari e due grandi padiglioni esterni. La tecnologia, la scienza, le scoperte del passato, le grandi innovazioni proiettate verso il futuro: ogni campo dello scibile è esplorabile al museo Leonardo da Vinci, concepito in modo tale da  rivolgersi ai curiosi di ogni età .

 

DSCN9260

 

All’interno della struttura centrale il percorso di visita si snoda attraverso tre piani in cui si alternano sezioni legate alle scoperte del passato ad altre più vicine ai nostri giorni. Le sale espositive sono sempre concepite in modo da garantire una partecipazione costante del visitatore che può toccare, ascoltare, manipolare, sperimentare. Ovviamente per i più piccoli tutta questa grande interattività è uno stimolo continuo ed uno strumento di conoscenza davvero indovinato. Accanto alle esposizioni ci sono i laboratori in cui si svolgono incontri di vario genere volti ad approfondire determinate tematiche. Il programma è sempre molto vario ed interessante ma per questa volta ci siamo limitati ad un approccio più generico rimandando ad altri momenti questo tipo di esperienza.

 

Centrale termoelettrica Regina Margherita -Museo Leonardo da Vinci

Centrale termoelettrica Regina Margherita

 

Il percorso inizia con l’ esposizione  della centrale termoelettrica Regina Margherita, proveniente da un setificio di Desio e risalente alla fine dell’Ottocento. Una macchina complessa, dalle grandi proporzioni e composta da tanti elementi che chiariscono da subito quale sia il filo conduttore che  accompagna  lungo il percorso. I campi del sapere sono costantemente mescolati tra loro e così da questo assaggio di tecnologia del passato, dopo uno sguardo rapido ad una farmacia conventuale si passa ad analizzare il complesso mondo dell’alimentazione. Un allestimento accattivante, fatto di video, di touch screen, di oggetti e di colore cattura l’attenzione di grandi e piccini e svela tanti segreti di questo settore che interessa l’uomo fin dal suo arrivo sulla Terra.

 

Museo Leonardo da Vinci

 

Si passa poi in rapida successione al mondo complesso della fisica delle particelle, senza aver tempo di annoiarsi. Il ritmo è serrato ed incalzante ed i bambini sono catturati all’interno di questo turbinio di informazioni e scoperte. Al piano superiore prosegue il viaggio nel tempo  nell’interpretazione del “divenire del mondo”, concetto chiave a cui s’ispirò l’industriale Guido Ucelli, fondatore del museo, in un continuo scambio tra cultura umanistica e cultura scientifica che trova la sua massima espressione in Leonardo da Vinci a cui, non a caso, il museo è dedicato.  Molte riproduzioni delle grandi opere di questo poliedrico scienziato possono essere ammirate in un grande corridoio accanto alle sale dove vengono studiati gli strumenti musicali, l’orologeria, lo spazio, le grandi scoperte di radio, telefono e telegrafo ed ad una vasta area dedicata all’analisi delle fragilità del nostro pianeta.

 

DSCN9297

 

 

Scendendo al piano interrato, la ricostruzione di alcuni ambienti del passato introduce al mondo della materia e delle sue complessità. Quando la stanchezza inizia a farsi sentire, una bella boccata d’aria è proprio quello che ci vuole per fare il pieno di energie ! Nello spazio all’aperto, dai primi di marzo, trova posto un’esposizione dedicata al mondo dei robot: Transformers Art. Si tratta di una mostra, ospitata in Italia per la prima volta, che ha ad oggetto gigantesche costruzioni realizzate dall’artista montenegrino  Danilo Baletic. Otto sculture metalliche che richiamano il mondo dei personaggi fantastici tanto amati dai bambini ma che, allo stesso tempo, attirano l’attenzione sulla tematica del riutilizzo dei rifiuti in quanto  realizzate con rottami di auto e camion.

DSCN9345

 

 

L’impatto è di grande effetto ma lo spunto di riflessione lo è ancora di più. La visita di queste singolari installazioni sarà effettuabile fino al 1° maggio ed è compresa nel biglietto d’ingresso. In questo spazio è collocato anche il sottomarino Toti, visitabile con una biglietto a parte e con l’ausilio di una guida. Dall’area esterna si accede poi agli ultimi due padiglioni del percorso. Il primo è dedicato alle locomotive d’epoca e permette, come in una vera stazione in cui il tempo si è fermato, di studiare i treni antichi e tutti i loro dettagli; il secondo  si occupa invece del mondo aeronavale e da solo richiederebbe una giornata per la quantità di pezzi che contiene e per la loro singolarità. Mezzi d’assalto, modelli navali in sezione, la nave scuola Ebe, il transatlantico Biancamano trovano posto tra gli ampi locali del padiglione e sono lì pronti per far partire ogni piccolo viaggiatore nel tempo sulle ali della fantasia. Salendo al piano superiore della struttura è possibile ammirare tutte le navi dall’alto, scorgere alcuni modelli di velivoli d’epoca ed un elicottero in cui i bambini possono cimentarsi in prove di volo. 

Impossibile descrivere in poche parole le emozioni che si concentrano durante una visita al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. In una giornata si può compiere un vero e proprio “viaggio nel tempo” all’interno di numerosi ambiti del sapere umano, sperimentando, giocando, divertendosi. Azzeccatissima formula per imparare cose nuove !

Info utili:

Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

Via San Vittore, 21 Milano

Orari: martedì-venerdì ore 9,30-17,00; sabato e festivi 9,30-18,30. Chiuso i lunedì non festivi. 

 

Link utili:

Museo Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci

(Testi e foto di Serena Borghesi- riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)   

Share on Facebook0Share on Google+0Pin on Pinterest1Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *