UN VIAGGIO A GENOVA: CITTÀ MOLTO PIU’ CHE “SUPERBA”

Viaggio a Genova

I famosi “carrugi” di Genova

La storia di Genova è affascinante e complessa e, attraversando i suoi carruggi, durante l’edizione appena trascorsa dei Rolli Days in compagnia dello staff dell’Ufficio Comunicazione e promozione turistica del Comune di Genova, ho avuto la possibilità di fare un “viaggio nel tempo” davvero intenso ed emozionante.

Da ligure quale sono ho sempre considerato Genova come un punto di arrivo per fare concorsi, esami di stato, visite mediche specialistiche o punto di partenza per il suo porto ed aeroporto. In questa ultima occasione invece ho potuto vederla con occhi nuovi e percepirne la straordinaria bellezza e l’ enorme ricchezza culturale.

Il punto centrale del nostro fine settimana genovese è stata la visita dei Rolli, i sontuosi Palazzi appartenuti  all’aristocrazia della città tra il ‘500 ed il ‘600. Da dieci anni quarantadue degli oltre cento edifici facenti parte di questo nucleo sono stati inseriti dall’Unesco nella sua lista dei Beni Patrimonio dell’Umanità.

Un riconoscimento prestigioso reso possibile dall’impegno iniziale del professor Ennio Poleggi e dalla cura costante con cui sono preservate queste sontuose dimore. Si tratta infatti in parte di beni di proprietà del Comune o di altri Enti ed Istituzioni ed in parte ancora di beni di proprietà privata che devono essere mantenuti nel loro originario splendore.

Viaggio a Genova-Palazzo Lomellino

Palazzo Lomellino

Attraversando Via Garibaldi, in origine Strada Nuova, ci si trova immersi in questo patrimonio e non si può fare a meno che camminare con lo sguardo rivolto in alto per ammirare i fregi delle facciate, i portali, i mille dettagli che  contraddistinguono questi edifici, tutti contrassegnati da una chiara cartellonistica. Molti palazzi sono visitabili durante tutto l’arco dell’anno ma per altri i Rolli Days sono un’occasione unica per varcarne la soglia e immergersi in un viaggio tra i fasti di un tempo lontano. Ognuno ha caratteristiche proprie che lo contraddistinguono e lo rendono unico. Palazzo Tobia Pallavicino, oggi sede della Camera di Commercio, testimonia con le sue preziose decorazioni la ricchezza dei proprietari detentori di un vero e proprio monopolio nel commercio di minerali nel XVI secolo.

Viaggio a Genova-Palazzo Tobia Pallavicino

Decorazioni di Palazzo Tobia Pallavicino

La Galleria dorata posta al primo piano del palazzo, realizzata da Lorenzo De Ferrari, per la ricchezza decorativa, la luminosità conferita dagli inserti in oro e dalla sapiente collocazione degli specchi lascia letteralmente a bocca aperta i visitatori. Palazzo Lomellino, dalla parte opposta della strada, si distingue per il delicato tono di azzurro con cui è dipinta la facciata e custodisce al proprio interno un ninfeo preziosissimo ed un vero giardino delle delizie. Proseguendo il viaggio s’incontra Palazzo Tursi, oggi sede del comune, che invita ad una visita con il suo sontuoso scalone.

Viaggio a Genova-Palazzo Tursi

Palazzo Tursi

Ai coreografici loggiati esterni si accompagna una ricchezza decorativa delle sale interne davvero notevole. Palazzo Rosso si trova a poche decine di metri con la sua sgargiante facciata, i suoi interni a dir poco sfarzosi e il “miradore” posto sul tetto da cui ammirare tutta la città e le nuove sale in cui è ospitata l’inedita mostra “Ottocento a Palazzo Rosso”.

Viaggio a Genova- Palazzo Rosso

Panorama dal miradore di Palazzo Rosso

Il sistema dei Rolli prosegue anche su Strada Nuovissima, in Via Balbi e tra le vie del centro storico contribuendo a disegnare un sistema unitario che rese unica la città di Genova nel panorama di fine cinquecento. E’ del 1576 infatti l’istituzione ad opera della Repubblica di Genova del Rollo, cioè dell’elenco in cui venivano inserite le dimore nobiliari scelte per accogliere gli ospiti e tutto il loro seguito in viaggio nella città provenienti da ogni dove. Una forma di albergo diffuso ante litteram, un centro nevralgico per artisti di ogni foggia in cerca di stimoli.

Viaggio a Genova-Palazzo Grillo

Palazzo Grillo: stemma di famiglia

Palazzo Grillo, una novità per il pubblico di questa edizione a seguito del recente restauro, sito in Via delle Vigne di fronte alla chiesa su cui la nobile famiglia deteneva il giuspatronato, tornerà a dare ospitalità a chi vorrà soggiornare in questo esclusivo hotel di charme. Anche il complesso di architettura dell’Università di Genova è entrato da questa edizione a far parte di un percorso di scoperta e valorizzazione di una zona meno nota della città. Sono questi infatti i luoghi in cui è custodito il nucleo storico del passato romano e medioevale e salendo verso la collina di Castello tra gli spazi dell’ex convento di San Silvestro, oggi pienamente vissuti dagli studenti universitari, si conquista una veduta davvero interessante.

Collina di Castello -Viaggio a Genova

Il panorama di Collina di Castello

Nel patrimonio architettonico della Superba occupano un ruolo di assoluto rispetto anche le chiese, custodi al proprio interno di veri e propri tesori. Come la Chiesa di San Donato , significativo esempio di romanico genovese, che all’interno della prima cappella a sinistra conserva il trittico dell’Adorazione dei Magi  di Joos Van Cleeve  o  la Chiesa del Gesù in cui si trovano due tele di Rubens e la Chiesa  di San Matteo, ancora oggi abbazia dei Doria, che ospita nella propria cripta la tomba di Andrea Doria.  

Adorazione dei Magi- Van Cleeve-Viaggio a Genova

Adorazione dei Magi-Joos Van Cleeve

I riflettori che la nomina dell’ Unesco ha acceso sulla Superba hanno innescato un processo a catena che partendo da una straordinaria sinergia tra le istituzioni, Comune ed Università in primis, ha attirato nel capoluogo ligure un numero crescente di visitatori trasformando un evento culturale di spessore in un evento turistico e trasformando un numero sempre più ampio di aree cittadine in  siti da conoscere ed amare. Per noi i Rolli Days da quest’anno sono diventati un appuntamento fisso per perderci nella contemplazione di questa meravigliosa città impregnata di spirito ligure, di autentica tipicità e capace di mettersi sempre in gioco per far conoscere al mondo le sue infinite ricchezze.

Info utili:

Dove dormire: Best Western City Hotel

Dove mangiare: La Cabotina-Vico della Loggia Spinola (tel 010-590373); Bar Cavo -Via Balbi 169 (tel 010-252001)

Link utili:

visitgenoa

Musei di Genova

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com- Si ringrazia il Comune di Genova nelle persone di Raffaella Cecconi, Fabiana Virgilio e Rossana Borroni per la perfetta organizzazione dell’evento.)

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Leggi anche: La Lanterna di Genova il simbolo di una città

                       Mantova, amore a prima vista

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *