PORTOVENERE: DIECI COSE DA VEDERE

Portovenere, caratteristico borgo del levante ligure, ha dieci cose da vedere davvero imperdibili.

Ad essere onesti la lista di tutto ciò che potrebbe offrire sarebbe lunghissima ma non tutti i viaggiatori hanno tanto tempo a propria disposizione.

 

Portovenere: dieci cose da vedere

Portovenere: dieci cose da vedere

 

 

Collocata a metà strada tra Lerici e le Cinque Terre, propaggine occidentale estrema del Golfo dei Poeti, Portovenere è un piccolo gioiello tutta da scoprire e da ammirare. 

 

Vi trovate a La Spezia e volete visitare le sue attrazioni principali? Trovate tutte le informazioni nel mio articolo dedicato alle principali attrazioni da visitare in città. 

 

Dieci cose da vedere a Portovenere: la Calata Doria

 

Portovenere: dieci cose da vedere

Calata Doria

 

E’ la prima cosa che si vede non appena si arriva nel borgo. Che sia via terra, o ancora meglio via mare, questa immagine si imprime nella mente indissolubilmente. Volendo riassumere Portovenere in uno scatto altro non si potrebbe fare che rivolgere l’obiettivo alle casette tinte in toni pastello, addossate le une alle altre, che si affacciano sul mare. Calata Doria è proprio questo: colore, storia e tradizione. I toni della Liguria sono tutti rappresentati in una tavolozza mai monotona. La forma caratteristica delle abitazioni rimanda alle case torri, lunghe e strette per scongiurare gli assalti dei nemici. Il mare con tutte le attività ad esso legate fa da specchio a questo palcoscenico, sempre uguale da secoli ma mai scontato. 

 

dieci cose da vedere a Portovenere

 

 

Dieci cose da vedere a Portovenere: San Pietro

 

portovenere: dieci cose da vedere

La chiesetta di San Pietro di Portovenere

 

Dalla calata la strada prosegue dritta fino ad incontrare una scalinata. Il cuore a questo punto accelera, non per la fatica. San Pietro si staglia in tutta la sua bellezza ed unicità. Non si può descrivere, bisogna vederlo. Nessuna immagine per quanto patinata può rendere l’idea. Questa chiesetta dalla collocazione unica va vissuta da ogni prospettiva. Dal basso, dall’interno e perfino dall’alto. Eh si perché il tramonto ammirato dal suo tetto ha un sapore a dir poco speciale. Poi ci sono le arcate, aperte sull’infinito del mar Ligure. Tutta la gustare, scatto dopo scatto, brivido dopo brivido. 

 

il tramonto da san pietro da non perdere a portovenere

 

 

Da non perdere a Portovenere: la grotta Byron

 

dieci cose da vedere a Portovenere

Discesa alla grotta Byron di Portovenere

 

La mano dell’uomo ha raggiunto in questo tratto livelli altissimi, madre natura ha fatto il resto. Grotta Byron ne è un riuscito esempio. Si scendono alcuni scalini e si entra in una dimensione onirica. Si può restare in silenzio ad ammirare il panorama o fare un tuffo tra le acque blu. Può cambiare il punto di vista ma non la bellezza scenografica del contesto. 

 

grotta byron a Portovenere

 

 

Dieci cose da non vedere a Portovenere: la statua di Mater Natura

 

dieci cose da vedere a Portovenere

La statua di Mater Natura a Portovenere

 

L’arte che celebra la bellezza del creato: questo dovrebbe essere il titolo della particolare statua bronzea dedicata alla natura.  Linee generose, sguardo rivolto all’orizzonte. Questa abbondante signora, forse una divinità, simboleggia attraverso le sue forme l’abbondanza della natura e crea un legame profondo tra il passato ed il presente. Come le Veneri degli antichi è un inno alla vita ed a tutti i suoi doni, magistrale interpretazione del maestro Lello Scorzelli. 

 

dieci cose da vedere a portovenere

 

 

I carugi e San Lorenzo

 

portovenere: dieci cose da vedere

 

Le strade a Portovenere, come in tutta la Liguria, prendono il nome di carrugi. S’insinuano tra le case, s’arrampicano sulle alture. Lastricati e silenziosi nascondono storie senza tempo. Il sole riesce a malapena ad entrare nei tratti più fitti. Fino a quando non s’interrompono per dare spazio a costruzioni meravigliose come la chiesa di San Lorenzo. Non semplice edificio religioso ma addirittura santuario dedicato alla Madonna Bianca.

 

dieci cose da vedere a portovenere

 

In stile romanico fu più volte rimaneggiata e ricostruita a seguito di incendi ed attacchi nemici. La leggenda narra che un’immagine della Madonna conservata al suo interno salvò il paese dalla peste. Per questo motivo  ancora oggi attira fedeli, richiamati dalla devozione all’immagine di Maria con il bambino Gesù in braccio, ben conservata in una cappella. 

 

san lorenzo a portovenere

 

Il Castello di Portovenere

 

dieci cose da vedere a Portovenere

Il Castello di Portovenere

 

Tra le dieci cose da vedere a Portovenere non si può fare a meno di menzionare il castello. Posto al di sopra di tutto, domina il paese ed il mare. La sua natura difensiva risulta chiara, la sua straordinaria posizione è il valore aggiunto per ogni visitatore che supera sforzi e fatiche pur di guadagnarsi il panorama che si può gustare da quassù. Possente e maestoso è una delle strutture militari  più significative che la Repubblica di Genova edificò nel levante ligure. La sua importanza risulta evidente ancora oggi, nell’osservare il suo profilo che si staglia già da lontano, mentre si arriva  a Portovenere.

 

dieci cose da vedere a Portovenere

 

Dieci cose da vedere a Portovenere: la Madonna Bianca

 

dieci cose da vedere a Portovenere

La festa della Madonna Bianca a Portovenere

 

C’è un giorno all’anno in cui il borgo marinaro di Portovenere si veste di luce e suggestione. Il 17 agosto ricorre la celebrazione della Madonna Bianca, la cui effige è conservata a San Lorenzo. Dal mattino iniziano le celebrazioni religiose in suo onore ma è al calar della sera che la festa raggiunge il suo culmine. Migliaia di lumi vengono accesi per tutto il paese, tra lo stupore dei visitatori. Ci vogliono ore affinché la luce delle candele diventi protagonista ma già osservare gli arrampicatori esperti raggiungere le rocce più impervie per “accendere” ogni angolo del borgo fa parte del folklore. Per l’ occasione Portovenere si può raggiungere  con gli autobus o con il battello. In questo caso il panorama che si ammira dal mare è davvero uno spettacolo.

 

 

la madonna bianca a portovenere

 

Da non tralasciare a Portovenere : una gita alle isole

 

fare una gita alle isole davanti a Portovenere

Il Parco naturale di Portovenere, Palmaria, Tino e Tinetto

 

Davanti al borgo si trova un piccolo arcipelago e parco naturale marino formato da tre isole. Palmaria, Tino e Tinetto con Portovenere e le Cinque Terre, dal 1997, sono state inserite dall’ Unesco tra i beni patrimonio dell’Umanità. Non è difficile capire il perché. L’isola Palmaria è la più vicina alla costa e può essere raggiunta facilmente con un servizio di piccoli battelli che dal porticciolo di Portovenere toccano le sue coste dopo un’attraversata di pochi minuti soltanto. Diverso è il discorso per le sorelle minori. Il Tino è territorio militare, visitabile una sola volta all’anno in occasione della festività di San Venerio. Il Tinetto ha le dimensioni di uno scoglio o poco più. Molto interessante però fare un’escursione in barca che permetta di ammirare la natura, le grotte e le formazioni rocciose dell’arcipelago. Da Portovenere partono sia battelli che imbarcazioni più piccole, a seconda dei gusti dei visitatori. Anche fare solo un tuffo all’isola Palmaria può essere una buona idea.

 

portovenere: dieci cose da vedere

 

La Piscina naturale tra Portovenere e Palmaria

 

piscina naturale: dieci cose da vedere a Portovenere

La Piscina Naturale di Portovenere

 

Lo stretto braccio di mare che separa Portovenere dall’isola Palmaria, in alcune giornate estive, diventa una vera e propria piscina..naturale. Per due o tre sabati estivi, da diversi anni ormai, si ripete questa bellissima e coloratissima tradizione. L’accesso alle barche in questo tratto di mare viene interdetto già dal mattino e poi, dalle 14 alle 18, giovani e meno giovani si buttano tra i flutti a ritmo di musica. Gonfiabili di ogni colore invadono lo specchio marino dalle acque particolarmente trasparenti. Una folta prateria di poseidonia infatti popola questo canale dando ospitalità a tante specie di pesci. La manifestazione oltre che essere molto pittoresca da ammirare dall’esterno e fantastica da vivere di persona è anche ben presidiata da forze dell’ordine che garantiscono la sicurezza dei bagnanti.

 

la piscina naturale di portovenere

 

Dieci cose da fare a Portovenere : mangiare a due passi dal mare

 

 

Nella calata, più avanti lungo la passeggiata a mare ed ancora verso la parte terminale del paese, presso l’Olivo,  i ristoranti  si rincorrono, ognuno con le proprie specialità ed i piatti forti. Il pesce è ovviamente protagonista, così come tutti i sapori liguri. Olio, vino, focaccia, pesto, verdure dell’orto: la Liguria è una terra buona e generosa nonostante l’apparente asprezza. Val la pena di fare una sosta per pranzo o per cena per avere una visione d’insieme della zona, passando anche dai suoi prodotti tipici e dai suoi sapori così unici ed inconfondibili. E poi mangiare in una location del genere ha sempre una fascino immenso. 

 

 

Ho provato a fare una sintesi delle cose più belle di cui tenere conto durante una visita a Portovenere. Fatemi sapere se, secondo voi,  la lista è corretta o cosa cambiereste!

 

(Testi e foto di Serena Borghesi- riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

One Comment:

  1. Pingback:LA PISCINA NATURALE DI PORTOVENERE - Viaggi nel Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *