MILOS, L’ISOLA DEI MILLE COLORI

Milos, nell’ arcipelago delle Cicladi, è stata la meta delle nostre vacanze estive. La ragione della nostra scelta è stata motivata dalla grande varietà di spiagge presenti sul’isola e dagli ottimi giudizi che circolano su di essa: da molti è infatti considerata l’isola più bella di tutta la Grecia. Di certo dover scegliere l’isola regina tra le centinaia presenti nel Mar Egeo non è cosa semplice, ma senza dubbio Milos ha il vantaggio di poter offrire tanto e di essere un’isola davvero completa. Roccia, sabbia, mare a dir poco fantastico, villaggi pittoreschi, ottimo cibo: questi sono solo alcuni degli aspetti che rendono questo piccolo lembo di terra, collocato a metà tra Atene e Creta, un paradiso che val la pena di essere scoperto lasciandosi alle spalle la frenesia della vita quotidiana.

Milos-le rocce di mille colori

I ritmi di Milos sono infatti assolutamente rilassati, scanditi dagli elementi naturali che determinano l’andamento delle giornate dei viaggiatori e degli operatori turistici presenti. Il Meltemi infatti, un vento che soffia da nord molto presente in questo arcipelago, stabilisce se le barche potranno uscire per portare i visitatori alla scoperta delle bellezze dell’isola oppure no e quale lato dell’isola preferire per godere di una giornata di mare. Alle volte  questo “venticello”può arrivare a superare i cinquanta chilometri orari ma la zona sud è sempre ben riparata e permette di fare splendide nuotate anche quando il nord è sferzato dalle raffiche. Milos non si raggiunge con voli diretti dall’Italia ma richiede uno scalo intermedio. E’ possibile infatti volare su Atene e quindi avvalersi di un volo interno operato della compagnia di bandiera greca oppure utilizzare i traghetti che partono dal Pireo o, in alternativa raggiungere Santorini in aereo dall’Italia e da qui utilizzare un collegamento via mare.   

Milos

 

Le spiagge di Milos

Il grande vanto dell’isola di Milos sono le sue spiagge: pare che ve ne siano più di settanta. In realtà non sono tutte facilmente accessibili perché buona parte del territorio è occupato da miniere ancora attive e pertanto alcuni lati dell’isola non hanno una rete stradale che permette di accedere con facilità al mare. Per muoversi in piena libertà in ogni angolo è possibile affittare auto 4X4 che riescono senza problemi ad avanzare nello sterrato. Con le auto normali non solo non è consigliato ma viene del tutto vietato dai noleggiatori all’atto della sottoscrizione del contratto. Molte spiagge difficilmente raggiungibili da terra sono comunque visitabili con le escursioni via mare. In ogni caso anche optando per il noleggio di un veicolo normale è possibile godersi al massimo numerose bellezze dell’isola e tantissime spiagge davvero straordinarie. Durante i nostri tredici giorni di permanenza a Milos abbiamo girato il più possibile cercando di cambiare spiaggia ogni giorno per poter avere una visione completa di quanto l’isola avesse da offrire. La costa meridionale, a seconda dei punti, assume tonalità cangianti che vanno dal rosso, all’ocra arrivando in alcuni punti a toccare sfumature grigiastre oppure verdi. Questa grande varietà dei colori dipende dall’origine vulcanica dell’isola che le ha donato una quantità di minerali davvero considerevole, rendendo l’attività estrattiva proficua ancora ai giorni nostri. Ogni spiaggia quindi si caratterizza per una tonalità differente e per il particolare modo in cui è incorniciata da queste rocce suggestive.

Milos-spiaggia di Paleochori

Spiaggia di Paleochori

Paliochori è formata da un misto di sabbia e sassi bianchissimi e si distingue per getti di acqua termale che escono ancora dal sottosuolo e scaldano il mare e la sabbia. Le trasparenze del mare sono incredibili almeno quanto le sfumature di azzurro che non sfuggono neppure all’osservatore più distratto. L’insenatura successiva è occupata dalla spiaggia di Agia Kiriaki‘, in parte di grossi ciottoli ed in parte di sabbia. L’ho soprannominata la spiaggia “a strisce” perché la sabbia scura si alterna a sassolini bianchi levigatissimi. E’ una spiaggia molto adatta ai bambini perché i fondali rimangono bassi per molto tempo.

Milos-spiaggia di Agia Kiriakì

Agia Kiriakì

Milos-Spiaggia di Tsigrado

Tsigrado

Procedendo su questo versante di costa si incontra Tsigrado, a dir poco scenografica grazie alle rocce color ocra che la cingono, difficile da conquistare perché bisogna scendere all’interno di uno stretto canyon con il supporto di corde. Il colore del mare è la ricompensa di questa discesa avventurosa. Per chi non è amante del pericolo la spiaggia di Firiplaka si presenta come una grande insenatura di morbida sabbia chiara e mare cristallino, semplice da raggiungere.La piacevole temperatura dell’acqua ed i bassi fondali la rendono quasi una piscina dentro cui poter indugiare piacevolmente per ore. All’estremità ovest le rocce assumono sfumature incredibili che val la pena fotografare.

Milos-Spiaggia di Firiplaka

Firiplaka

Milos-Provatas

Provatas

Procedendo ancora nel versante sud si incontra Provatas, nota per il colore rossastro della sabbia. Le case dei pescatori alle spalle dell’arenile sono una piacevole visione mentre si nuota in questa baia dai fondali bassi. Con la maschera ci si può divertire ad andare in esplorazione delle rocce e delle piccole grotte che la separano dalla baia successiva. Nei pressi di Kipos si trova una spiaggia di grossi sassi grigi, il mare è come sempre bellissimo ma l’ingresso in acqua non troppo semplice per chi è abituato alla sabbia. Da questo punto in poi la strada diventa inaccessibile ed allora arrivano in soccorso le numerose imbarcazioni che offrono ogni tipo di gita in barca e permettono di esplorare questo tratto di costa considerato il più bello in assoluto e di cui parleremo più avanti. L’isola di Milos ha una forma particolare a ferro di cavallo che si nota perfettamente dalle baie che si susseguono dopo la capitale Adamas. La spiaggia di Papikinou, seppur un pò penalizzata dal passaggio delle auto nella strada alle sue spalle, è molto gradevole per il refrigerio fornito dalle piante di Tamerice e per la bella vista sulle case imbiancate a calce che si arrampicano sulla collina posta al centro del principale villaggio dell’isola. Poco più avanti si trova una piccola spiaggia, segnalata da un cartello che si nota solo andando molto piano, in cui sgorgano acque termali.

Milos-spiaggia di Papikinu

Papikinu

Milos-Achivadolimni

Achivadolimni

Non lasciatevi intimorire dalla centrale elettrica ubicata sul versante opposto della strada: l’acqua è calda, pulita e piena di gradevoli bollicine. Gli anziani del posto si recano qui ogni giorno e potrà capitarvi di immergervi in loro compagnia e di ascoltare le loro storie rigorosamente in greco, poco importa se non capite la lingua perché sarà comunque un piacere fare due chiacchiere nel nome di “una faccia, una razza”. Achivadolimni è una lunga spiaggia dalla forma di mezzaluna collocata proprio nel centro del ferro di cavallo di Milos. La sabbia soffice e il mare cristallino la rendono meritevole di una sosta ma non si trovano servizi di nessuno tipo, qui la natura è sovrana. Si può proseguire oltre lungo la strada costiera, che ad un certo punto diventa sterrata, alla ricerca di alcune cale immerse nel verde fino ad arrivare nella località di Embouroius dove si trovano alcuni scorci davvero interessanti della Milos più autentica.

DSCN3291

Il lato nord dell’isola è un susseguirsi di spiagge ed insenature di ogni dimensione. Si parte ad est dalla spiaggia sabbiosa affacciata sul villaggio di Pollonia, comoda e circondata da tanti locali, per passare alle scogliere di Papafragas, ideali per gli amanti dei tuffi e per chi è attratto dalle singolari manifestazioni di cui è capace madre natura . Dopo aver superato una serie di piccole baie denominate Pachena, Agios Kostantinos e Mytakas si arriva a Sarakiniko, uno degli angoli più famosi e fotografati di Milos.

Milos-Sarakiniko

Sarakiniko

DSCN3219

Milos-Papafragas

Papafragas

Immacolate rocce bianche formate da caolino che si lascia facilmente plasmare dagli agenti atmosferici fino a formare bizzarre forme portano in una dimensione quasi lunare. Bello perdersi tra le rocce sinuose alla ricerca dello scatto più originale, salire sulla cima della roccia più alta, andare ad esplorare le grotte scavate dai minatori ed infine fare una nuotata nella piccola insenatura scavata dal mare.  A nord ovest si trova Plathiena un piccolo paradiso di sabbia dorata ed acqua cristallina in cui le tamerici offrono un comodo riparo dal caldo estivo.

Milos-Plathiena

Plathiena

Qual’è la spiaggia più bella? Non è facile a dirsi perché gli arenili sono davvero tanti e possono soddisfare le esigenze di tutti. A Milos è anche possibile concedersi un tuffo nelle piccole baie occupate dalle abitazioni dei pescatori: Klima, Fyropotamos e Mandrakia sono villaggi dipinti in mille colori in cui minuscole insenature sono incorniciate dalle barche e dai rispettivi rimessaggi. Qualcosa di unico che esiste solo in questa isola delle Cicladi. 

Come scegliere una gita in barca a Milos

Data l’inaccessibilità di alcune spiagge e la particolare conformazione dell’isola, un giro in barca è d’obbligo per conoscere al meglio Milos. L’impresa può risultare non troppo semplice se si tiene conto che quando soffia il Melmemi le imbarcazioni non lasciano il molo e che, una volta arrivati ad Adamas sul far della sera, si osserva un elevato  numero di natanti ormeggiati che offrono escursioni di ogni tipo. La prima cosa da fare quindi è chiarirsi bene le idee su ciò che si desidera fare : alcune escursioni durano dalla mattina alla sera, altre sono alcune ore. Ovviamente la durata incide enormemente sul prezzo che in alcuni casi arriva ad essere veramente molto elevato. Le imbarcazioni che effettuano i  giri più lunghi solitamente offrono ai propri ospiti diversi spuntini ed un pranzo molto consistente durante le soste.

Milos-gita in barca

Noi non cercavamo nulla di tutto questo. Non ci interessava mangiare durante l’uscita in mare e neppure stare via per troppo tempo per non annoiare il nostro piccolo viaggiatore e così dopo una lunga ricerca abbiamo trovato ciò che poteva fare al caso nostro. Grazie ad un’agenzia turistica di Adamas abbiamo scoperto una piccola imbarcazione che effettua due gite al giorno, una alla mattina ed una seconda nel pomeriggio. La partenza avviene dalla spiaggia posizionata dopo il paese di Kipos, il titolare della barca gestisce anche una taverna collocata in un contesto davvero interessante. Si tratta di un’imbarcazione che ricorda quelle utilizzate per la pesca, molto comoda e ben ombreggiata. La nostra escursione è durata tre ore e ci ha permesso di visitare la spiaggia di Gerontas e successivamente Kleftico.

Milos-Kleftico

Milos-Kleftico

La prima sosta è durata una mezz’ora, la seconda un’ora e mezzo. Kleftico è davvero un posto unico, che deve assolutamente essere ammirato. Scogliere bianche si tuffano in un mare da sogno e dal loro incontro nascono grotte ed archi naturali sotto cui è bellissimo passare, nuotando.  In particolare all’interno di una grotta la luce del sole che filtra dalle aperture crea dei giochi  fantastici e trasforma l’acqua in differenti tonalità che variano mano mano che si procede all’interno. Un bagno tra queste acque è davvero qualcosa che non si dimentica facilmente. Siamo stati molto soddisfatti della nostra scelta sia in termini di durata che di spesa sostenuta. A bordo una guida ci ha fornito indicazioni su tutto ciò che stavamo vedendo, sulle caratteristiche della costa e sugli incontri che avremo potuto fare dato che la foca monaca ancora oggi trova rifugio tra queste scogliere. Dopo aver fatto un rapido spuntino ed esserci dissetati, abbiamo fatto ritorno al piccolo molo, felici della nostra avventura.

Cosa visitare a Milos 

Si viene a Milos attratti dalla bellezza delle sue spiagge e del suo mare e si rimane piacevolmente colpiti da tutto ciò che può offrire. La prima cosa che salta all’occhio girando per l’isola sono le sue miniere, disseminate davvero in ogni dove. La presenza di questi numerosi minerali ha favorito lo sviluppo degli insediamenti umani fin da epoca remota ed ancora oggi è una voce fondamentale dell’economia. Per capire a fondo l’importanza di questi giacimenti val la pena fare una sosta al Museo dei minerali, situato alle porte di Adamas.

Milos-Museo delle miniere

Attraverso le sezioni in cui si articola è possibile farsi un’idea precisa sia sulla nascita dell’attività estrattiva di Milos che sulla vita che conducevano i minatori nel passato. Al piano superiore una dettagliata esposizione di minerali  permette di avere una carrellata generale sulle numerose tipologie presenti sull’isola che sono davvero incredibili per colorazioni e conformazioni. I villaggi del’isola sono pochi e tutti ubicati sullo stesso versante. Adamas è il principale ed al suo piccolo porto attraccano i traghetti che arrivano e partono da Milos. Lo stile è quello tipico delle Cicladi dove il bianco della calce e l’azzurro fanno da padroni. Un piacevole lungomare costellato da locali di vario genere è sormontato da un intricato dedalo di viuzze che conducono ad una chiesa che dall’alto domina tutto il centro. Adamas è collocato all’interno di una baia naturale ben riparata dai venti ed anche quando soffia il Meltemi il mare al suo interno è sempre calmo. Pollonia si trova nel’estremo versante nord-orientale ed appare come un gradevole centro turistico dotato di ogni genere di servizio. In zona collinare sorgono Trypiti e Plaka, collocati in una posizione privilegiata per ammirare i tramonti.

Milos-Plaka

Plaka

Il primo è caratterizzato da un susseguirsi di locali affacciati sul mare che si riempiono quando va in scena lo spettacolo più atteso della giornata. Plaka è l’antica capitale dell’isola, dominata da un castello veneziano costruito allo scopo di scongiurare attacchi da parte dei pirati. Salire in questa direzione è una tappa obbligata per ammirare il sole tuffarsi nel Mar Egeo e rimanerne letteralmente incantati. A Plaka ci sono anche diversi piccoli musei, il più famoso è quello archeologico in cui è conservata una copia della statua della famosa Venere rivenuta proprio a Milos e purtroppo portata via dall’isola. Anche i principali siti archeologici si trovano in questa zona : si tratta delle catacombe e del teatro romano.

Milos-catacombe

Alle Catacombe si accede con una visita guidata condotta in greco oppure in inglese e scendendo nel sottosuolo è possibile scoprire tre gallerie utilizzate sia per fini religiosi che per sepoltura. Si tratta di un sito molto raro per la Grecia ed in generale molto importante per il mondo cristiano tanto da aver meritato a Milos il titolo di “isola sacra” nel corso del 2009 ad opera del Santo Sinodo. A breve distanza il teatro romano risale al periodo ellenistico e l’ottimo stato di conservazione ne permette l’utilizzo anche ai nostri giorni. Gli insediamenti umani più antichi dell’isola si trovano a   Filakopi in cui ci sono tracce di edifici risalenti al tremila a.C. e nell’antica Klima di epoca più tarda. Un tratto assolutamente unico di Milos sono i numerosi villaggi di pescatori costruiti in baie riparate. Le strutture delle case e dei ricoveri per le barche dipinti di bianco sono arricchiti dai dettagli multi-colore delle porte e delle finestre. Klima è il più noto ed il più fotografato ma anche Firopotamos e Mandrakia meritano una visita. Tutto il territorio dell’isola, infine, è occupato da chiese e cappelle di ogni dimensione, alcune collocate in posizioni a dir poco scenografiche, impossibile quindi non fermarsi ad ammirare i loro interni decorati e a respirare il senso di pace che sanno emanare. 

Milos-Klima

Klima

Milos-Mandrakia

Mandrakia

Milos-Firopotamos

Firopotamos

Milos è un’isola dal grande fascino con una propria spiccata personalità. Pur essendo in grado di fornire ogni servizio al visitatore di turno riesce a conservare un lato selvaggio che la rende particolarmente apprezzabile agli occhi di chi ama vivere le proprie vacanze in pieno contatto con la natura. La presenza delle sue numerose miniere ha in parte favorito il mantenimento di questo suo aspetto leggermente riservato e poco incline all’arrivo del turismo di massa ma sono stati soprattutto i suoi abitanti, per loro stessa ammissione, a battersi perché questa propensione diventasse un vero e proprio tratto distintivo .

Milos

Milos

 

Info utili

Dove dormire:

Nirides, Pachena -studios in stile cicladico dotati di ogni comforts

Dove mangiare:

Alevromilos, (1 km from Adamas to Pollonia)

Enalion, Pollonia

O!Hamos

Pasticcerie: Muratos-Art of bakery (al bivio di Adamas verso Plaka); Aggeliki (Adamas); Artemis (Adamas), The Arc of flavors (Pollonia).

Gita in barca: Delfinia Boat (Kipos)

Link utili

Ente del turismo Milos Island

(Testi e foto di Serena Borghesi-riproduzione riservata www.viaggi-nel-tempo.com)

 

Share on Facebook395Share on Google+1Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

6 Comments:

  1. Racconto bellissimo e molto dettagliato. Foto stupende!!! Milos è tra le mie tante mete, ma può darsi che prenda il sopravvento sulle altre!

    • Grazie Laura! I ricordi sono freschi e quindi scrivere è più facile e poi la bellezza di Milos è uno stimolo davvero di non poco conto !

  2. Bellissimo racconto sicuramente ne farò tesoro visto che settimana prossima sarò a Milos
    Grazie

  3. Ottima guida e ottimi consigli…noi partiremo tra pochi giorni…con mia moglie al 5mese…mi puoi dare qualche consiglio?

    • Grazie mille per i complimenti Pasquale. L’isola è molto tranquilla quindi non dovreste avere problemi. Ti consiglio di organizzare le giornate in base a come tira il vento. Se c’è il Meltemi vai a sud e vedrai starete benissimo. Nei giorni in cui il vento è tranquillo potete scegliere qualsiasi zona. Eviterei strade sterrate, date le condizioni “delicate” di tua moglie. Fossi in voi mi procurerei subito un ombrellone in modo da poter vedere tutte le spiagge in tranquillità, anche quelle non attrezzate. Per il cibo non avrete che l’imbarazzo della scelta : i locali sono tutti ottimi ed il cibo è sempre freschissimo. Buone vacanze a tutti e tre !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *